Cold war

Zimna wojna

GRAN BRETAGNA, FRANCIA, POLONIA - 2018
4,5/5
Cold war
Sullo sfondo della guerra fredda, passione e sentimento si intrecciano disegnando un'intensa e indimenticabile storia d'amore.
  • Durata: 89'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: DCP (1:1.37)
  • Produzione: EWA PUSZCZYNSKA, TANYA SEGHATCHIAN PER OPUS FILM, APOCALYPSO PICTURES, MK PRODUCTIONS
  • Distribuzione: LUCKY RED
  • Data uscita 6 Dicembre 2018

RECENSIONE

di Valerio Sammarco
“Andiamo dall’altra parte, la vista è migliore da lì”.

Dopo l’Oscar per Ida, Pawel Pawlikowski firma un altro grande film in bianco e nero, ancora una volta adottando l’aspect ratio 1:1.37.

E torna alla Polonia dell’immediato dopoguerra, nel 1949, quando dal nulla di villaggi rurali seminascosti dal bianco inghiottente della neve e del cielo, iniziò il reclutamento di quello che da lì a poco divenne il “Mazowsze”, corpo di balli e canti popolari nato per volontà del governo filosovietico, che venne poi esportato in tutto il blocco orientale nell’arco degli anni ’50.

È in questo contesto che prende forma l’incredibile storia d’amore tra Wiktor (Tomasz Kot), musicista e direttore della compagnia, e l’allieva Zula (Joanna Kulig), ragazza su cui grava il sospetto di aver ucciso il proprio padre.

Arrivati a Berlino Est per un’esibizione, Wiktor organizza la fuga dall’altra parte del blocco per vivere finalmente in libertà quella storia d’amore. Ma Zula, contro ogni previsione, non si presenta all’appuntamento concordato.

È l’inizio di uno straordinario melodramma al di qua e al di là della cortina di ferro. Che il regista polacco costruisce per frammenti, balzando in avanti negli anni (fino ad arrivare a metà anni ’60), tra una dissolvenza in nero e un’altra, facendo perdere e incontrare i due protagonisti più volte.




 

Dal suggestivo e trascinante folk tradizionale si arriva alle contaminazioni jazz parigine di fine anni ’50, e lo sviluppo dei due personaggi (interpretati con una classe rara, e Joanna Kulig – già vista in Ida – farà parlare di sé) è inscritto nei cambiamenti emotivi che un mutamento così repentino e cruciale di quell’epoca portava con sé.

Forma e racconto si amalgamano per un’operazione che vagamente potrebbe ricordare il Frantz di Ozon, anche se qui l’asticella si alza in favore di una portata romantica maggiore: basti pensare alla dedica finale di Pawlikowski, “ai miei genitori”, che con i due protagonisti condividono il nome di battesimo (Wiktor e Zula) e gran parte di una storia d’amore travagliata: “Erano entrambi due persone forti e meravigliose, ma come coppia un infinito disastro”, ha detto lo stesso regista.


 

Che in Cold War - premiato per la regia a Cannes 2018 e trionfatore agli EFA, gli Oscar europei, con 5 statuette per miglior film, regia, montaggio, sceneggiatura e attrice - li riporta in vita (sono entrambi morti nel 1989, poco prima che venisse abbattuto il Muro di Berlino) per farli tornare a suonare, cantare e danzare quell’amore così travolgente e impossibile, tra la natia Polonia, la Berlino divisa, la Jugoslavia e la Parigi bohémien dove ogni cosa sembrava possibile, ma la purezza del primo incontro sembrava perduta.

E allora meglio rimettere in discussione ogni cosa, ogni occasione di soddisfazione artistica e personale, e riassaporare la nostalgia di quella chiesetta diroccata nel fango. Per poi osservare l’orizzonte da una panchina. E spostarsi di nuovo: “Andiamo dall’altra parte, la vista è migliore da lì”.

NOTE

- REALIZZATO IN ASSOCIAZIONE CON PROTAGONIST PICTURES AN OPUS FILM, APOCALYPSO PICTURES, MK PRODUCTIONS CO-PRODUCTION. CON IL SUPPORTO DI EURIMAGES, IN CO-PRODUZIONE CON ARTE FRANCE CINEMA, CANAL PLUS POLAND, KINO ¿WIAT, THE LODZ FILM FUND, MAZOVIA WARSAW FILM FUND, THE SILESIAN FILM FUND, THE PODKARPACKIE FILM FUND. CON LA PARTECIPAZIONE DI: ARTE FRANCE, AIDE AUX CINÉMAS DU MONDE-CENTRE NATIONAL DU CINEMA ET DE L'IMAGE ANIMÉE-INSTITUT FRANÇAIS, CINESTAAN FILM COMPANY.

- PREMIO PER LA MIGLIOR REGIA AL 71. FESTIVAL DI CANNES (2018).

- CANDIDATO ALL'OSCAR 2019 COME MIGLIOR REGISTA, MIGLIOR FILM STRANIERO, FOTOGRAFIA.

- CANDIDATO AL DAVID DONATELLO 2019 PER: MIGLIOR FILM STRANIERO.

CRITICA

"(...). I sentimenti fanno a pugni con la politica... ma Zula e Viktor non sono personaggi di fantasia. Riflettono i genitori del regista che a loro si è ispirato per raccontare l'amore in un bianco e nero emozionante con musiche suggestive. Unico difettuccio: piccoli buchi nella trama, ma in fondo non sempre va rivelato tutto". (SteG, 'il Giornale', 20 dicembre 2018)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy