Cleopatra Jones: licenza di uccidere

Cleopatra Jones

USA - 1973
Cleopatra Jones: licenza di uccidere
La bella mulatta Cleopatra Jones, agente speciale al servizio del Presidente degli Stati Uniti, ha il compito di lottare contro la padrona di una gang di spacciatori di droga, la vecchia, grassa, volgare, sadica e lesbica Mommie. Reduce dalla Turchia, dove ha fatto distruggere una piantagione di papaveri, coltivati per la droga, Cleo, nell'aeroporto di New York, si difende dalla banda di Mommie con pistola e colpi di karate. Intanto il poliziotto corrotto Purdy ha chiuso il "rifugio dei drogati" facendolo passare per un centro di spacciatori, mentre invece vi si recuperano le vittime della droga. Tocca a Cleo smascherare Purdy e difendere il direttore del "rifugio", il negro Ruben, di cui è l'amante. Dopo molte imprese, nel corso delle quali sfoggia altrettanti abiti bizzarri e si esibisce in funamboliche fughe e inseguimenti in auto, strapazza impiegati, poliziotti e funzionari, sbaraglia nemici, Cleo salva dalla perdizione la negra Tiffany e uccide la stessa Mommie. Poi parte per l'ennesima missione, assicurando che al ritorno sposerà Ruben.
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: 35 MM, PANAVISION, CINESCOPE, TECHNICOLOR
  • Tratto da: racconto di Max Julien
  • Produzione: WILLIAM TENNANT, JACK STARRETT PER WARNER BROS.
  • Distribuzione: DEAR INTERNATIONAL - WARNER HOME VIDEO

CRITICA

"Non c'era bisogno che il regista esibisse ripetutamente in primo piano la targa 'Cleo' che orna l'automobile di Cleopatra per avvertire lo spettatore di non prendere sul serio le strabilianti avventure del sovrumano 'agente speciale'. Tanto più che l'assurdità degli avvenimenti sono accentuate dalla narrazione e dal dialogo fumettistico e vacuo. Questo film vale a documentare ulteriormente il cammino a ritroso della cinematografia americana negra che, nata contestatrice, si adegua senza rimorsi alle convenzioni di una qualunque operazione commerciale. Si deve tuttavia riconoscere al lavoro un'apprezzabile pulizia di immagini." ('Segnalazioni Cinematografiche', vol. 76, 1974)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy