Carmen proibita

Carmen nue

FRANCIA, SPAGNA - 1984
  • Durata: 82'
  • Colore: C
  • Genere: EROTICO, MUSICALE
  • Tratto da: adattamento dall'opera 'Carmen' (1875) di Georges Bizet tratta da un romanzo di Merimée
  • Produzione: RANDA FILM
  • Vietato 18

CRITICA

"Secondo film a luci rosa dell'estate per Pamela Prati. Dopo la Gilda (rapita) in un remake eroticamente esplicito dei cult-movie con Rita Hayworth, eccola di nuovo nella Carmen (proibita...) Da rossa a corvina, dagli Stati Uniti alla Spagna, dalla padella alla brace, Pamela adora incarnare donne-mito svestendole di carisma e di abiti. Peccato che l'effetto Carmen (ricordate, si dedicarono a lei Francesco Rosi, Carlos Saura e Jean Luc Godard) sia finito da un pezzo. Ipersexual e cattivissima (gradazione erotica ai minimi termini) Pamela-Carmen si aggira tra le location realiste, sbandierando perennemente i seni al vento, denudati per via di vestitini malandrini e di scialli andalusi abbandonati sulle spalle robuste. José che per lei - come è noto - s'imbestialisce tradendo la causa, ha un fisico che necessiterebbe di qualche seduta in palestra. Ma 'l'esperanza d'escobar' - direbbe Armando De Raza - è norma difficilmente ovviabile per i soldatini affamati di sesso. Quando la speranza diventa certezza, Carmen e José si danno da fare dove possono, caverne rocciose comprese. Peccato che il film, semi-amatoriale, si affidi a frequenti ambientazioni notturne: definirle scene buie è solo un cordiale eufemismo. Il resto della storia la si conosce. Per i delusi di sempre, qualche aria di Bizet potrebbe risultare di consolazione." (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 30 Giugno 1989)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy