Autopsy

The Autopsy of Jane Doe

USA, GRAN BRETAGNA - 2016
3,5/5
Autopsy
Tommy Tilden è un esperto medico legale e gestisce con suo figlio Austin un obitorio in Virginia. Un giorno lo sceriffo del posto arriva con un caso di emergenza, il cadavere di una donna sconosciuta ritrovato in un seminterrato a seguito di un pluriomicidio. Sembra un caso come tanti, ma nel corso dell'autopsia i due professionisti vengono man mano turbati da nuove, terrificanti scoperte. Il corpo della donna è perfettamente conservato all'esterno, ma all'interno è stato smembrato e rimangono segni di cicatrici e bruciature, come se fosse stata vittima di un orribile e misterioso rituale di tortura. Mentre padre e figlio cercano spiegazioni scientifiche plausibili a queste scoperte raccapriccianti, cose sempre più inspiegabili sembrano succedere nell'obitorio...
  • Altri titoli:
    La autopsia de Jane Doe
  • Durata: 86'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR
  • Specifiche tecniche: (1:2.35)
  • Produzione: 42, IM GLOBAL, IMPOSTOR PICTURES
  • Distribuzione: M2 PICTURES (2017)
  • Vietato 14
  • Data uscita 8 Marzo 2017

TRAILER

RECENSIONE

di Gianluca Arnone
Come sanno bene seduttori e sedotti, un corpo può rivelare tante cose e nasconderne di altre. Ma se a dirlo è un anatomo-patologo tutto appare più sinistro. Autopsy è un horror da camera, intelligente e originale, sviluppato interamente su un tavolo autoptico, dove l'habeas corpus è una misteriosa donna, ribattezzata "Jane Doe", rinvenuta all'interno di un'abitazione teatro di un sanguinoso eccidio. Un corpo inanimato, impagliato dal rigor mortis, senza però ecchimosi, ferite o abrasioni. Un corpo integro, giovane e bello. Seducente? Di sicuro interessante.
Lo pensa lo sceriffo, lo pensano i Tilden, padre e figlio (Brian Cox ed Emile Hirsch), da decenni un punto di riferimento per la polizia nel campo della medicina legale. Saranno loro a dover eseguire l'autopsia, scoprire come e perché quella donna è morta. E forse risolvere il caso. Ma a volte più si scava e meno si riesce a vedere il fondo.
Il norvegese André Ovredal bilancia molto bene umorismo macabro, detection scientifica e atmosfere horror, costruendo un film apparentemente semplice e binario dove, a partire dallo specchio posto all'intersezione tra due corridoi comunicanti, tutto è raddoppiato (e rovesciato):  la casa è anche l'obitorio, lo spazio dei vivi è anche quello dei morti; il destino passa dal padre al figlio; il corpo senza vita e la vita senza corpo; la scienza e la superstizione; la realtà fenomenica e quella esoterica; il dato scatologico e quello escatologico.
Senza rivelare nulla di più, se non che per una volta l'apparato anatomico e quello allegorico (lo scheletro però non è nell'armadio ma in una cella frigo) duettano che è una meraviglia .
Tolti i trascurabili sottotesti familiari e alcune trovate abusate, il film funziona, inquieta, domanda. Il suo corpo del reato è gore, politico e anche metafisico. Non lo dimenticheremo facilmente.  E lui, comunque, ci verrà a cercare.

CRITICA

"Non sappiamo se il regista norvegese André Øvredal fosse consapevole che 'Autopsy', almeno in Italia, sarebbe uscito l'otto marzo. Il suo primo film in lingua inglese (...), in effetti, porta in dote il tema della violenza sulle donne esemplificato nel cadavere di una sconosciuta, trovato inspiegabilmente in una casa dove si consumata una carneficina. (...) dal rigore della scienza si passa in un attimo al soprannaturale. E con una sin troppo facile associazione d'idee, agli orrori che le donne da sempre subiscono." (Mazzino Montinari, 'Il Manifesto', 9 marzo 2017)

"Piacerà a chi va in cerca di horror robusti e inventivi. 'Autopsy' ha avuto persino il plauso del sommo Stephen King che ha dichiarato (testualmente) che avrebbe voluto scriverlo lui. Giusto. Stephen ciurla spesso nel manico. La regia di Øvredal è sempre d'ammirevole misura." (Giorgio Carbone, 'Libero', 9 marzo 2017)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy