Another Me

SPAGNA, GRAN BRETAGNA - 2013
1/5
Another Me
Fay è una ragazza la cui vita all'apparenza perfetta inizia lentamente ad andare in frantumi. I suoi amici citano conversazioni che lei non ricorda di aver avuto con loro, o dicono di averla vista quando lei sa che non è stato possibile. In un primo momento Fay si chiede se non stia impazzendo, ma successivamente inizia a ipotizzare un'agghiacciante verità. Sospetta infatti di essere inseguita da un misterioso "doppio", intenzionato a rubarle non solo l'identità, ma la sua stessa vita.
  • Altri titoli:
    Panda Eyes
  • Durata: 86'
  • Colore: C
  • Genere: PSICOLOGICO, THRILLER
  • Tratto da: omonimo romanzo di Cathy MacPhail
  • Produzione: RAINY DAY FILMS, TORNASOL FILMS

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Povera, povera Isabel Coixet. Più va avanti e peggio fa: poche tracce della regista del buono La vita segreta delle parole (2005), una flebile eco dei discreti Lezioni d’amore (2008) e Map of the Sounds of Tokio (2009), il nuovo Another Me, in anteprima mondiale (Concorso) al festival di Roma, è semplicemente un film da dimenticare.
Un thriller psicologico, con virate supernatural, che puzza di vecchio lontano un miglio (la gemella, arghhh), e che pare estraneo alla poetica – se mai ne ha avuta una… – della regista catalana: protagonista Fay (Sophie Turner, bella), un padre (Rhys Ifans) con la sclerosi, una madre (Claire Forlani) che cerca consolazione fuori casa, e a scuola una Lady Macbeth da mettere in scena. Problema, Fay avverte un’oscura presenza che la tallona, anzi, la “copia”: chi è il doppio che la perseguita?
Vetri che s’infrangono, murales misteriosi, rumori d’ordinanza, pioggia, sottopassaggi e altre amenità che più che effetto suspense invocano quello sospensorio. Nel cast anche Jonathan Rhys Meyers, alias il prof di teatro di Fay e non solo, Another Me forse va inteso letteralmente: la regia è della gemella di Isabel Coixet, quella inutile e copiona. Già, servirebbe Another Movie.

NOTE

- CATHY MACPHAIL FIGUTRA ANCHE TRA I PRODUTTORI ESECUTIVI.

- IN CONCORSO ALLA VIII EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA (2013).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy