A un metro da te

Five Feet Apart

USA - 2018
3/5
A un metro da te
Stella e Will hanno diciassette anni, si conoscono nell'ospedale dove sono entrambi ricoverati ed è amore a prima vista. La malattia li costringe a restare sempre a una distanza di sicurezza di un metro e mezzo, per non rischiare di trasmettersi tra loro batteri che potrebbero essere letali, e questo rende tutto molto complicato.
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, ROMANTICO
  • Produzione: JUSTIN BALDONI, CATHY SCHULMANV PER CBS FILMS
  • Distribuzione: NOTORIOUS PICTURES (2019)
  • Data uscita 21 Marzo 2019

TRAILER

RECENSIONE

di Costanza Morabito
Non è il primo e non sarà l’ultimo film a raccontare la travagliata storia d’amore tra due ragazzi che si vedono ostacolati da una malattia, ma raramente come in A un metro da te il topos della distanza imposta agli star crossed lovers si “materializza” in un veritiero per quanto incredibile divieto che lega amore e morte, qualcosa che alberga nel corpo come il sentimento nell’anima.

Con partecipazione e grazie a una regia accurata Justin Baldoni racconta con garbato riguardo ma non senza umorismo una storia d’amore che si configura come un Romeo e Giulietta dove il destino avverso prende le sembianze della fibrosi cistica.

Stella (Haley Lu Richardson) ha 17 anni ed è periodicamente costretta dalla fibrosi cistica a lunghe permanenze in ospedale. Tra il migliore amico Poe (Moises Arias), che condivide la sua malattia, e l’affetto di medici e infermieri, affronta con grande forza d’animo la sua condizione e cerca di guardare con positività al futuro manifestando nel contempo il bisogno di controllare per quanto possibile il presente.

Quando arriva in ospedale Will (Cole Sprouse), suo coetaneo anch’egli affetto da fibrosi cistica, Stella è inizialmente infastidita dalla sua visione del futuro molto più cupa della sua (egli ha infatti contratto un batterio che gli impedisce di subire un trapianto di polmoni) e dal fatto che egli sembri non prendere sul serio la terapia.

Costretti a tenersi ad almeno due metri l’uno dall’altra – come tutte le persone affette da fibrosi cistica – quando tra di loro sboccia un tenero amore decidono di “riprendersi indietro” un metro di distanza. Ma come si manifesta e cresce l’amore quando si è costretti a rispettare una distanza di sicurezza ed è vietato anche solo sfiorarsi?

A questa ambiziosa domanda risponde A un metro da te, che in un genere di teen movie ampiamente esplorato inserisce temi interessanti che tratta con tatto e sensibilità, supportato da una recitazione molto convincente soprattutto da parte di Haley Lu Richardson.


 

Il film si svolge quasi interamente all’interno di un ospedale senza mai risultare claustrofobico, e con fotografia e montaggio evidenzia efficacemente la distanza fisica e al tempo stesso il contatto emotivo tra Stella e Will.

Se si raffigura in maniera piuttosto accurata cosa implica essere affetti da fibrosi cistica, è sicuramente anche grazie all’esperienza di Baldoni, regista della serie di documentari di successo My Last Days, di cui uno degli episodi era incentrato su Claire Wineland, ragazza affetta da fibrosi cistica e ispiratrice del personaggio di Stella.

I protagonisti sono tridimensionali e ben scritti, e se è vero che nell’ultima parte il film cade in meccanismi narrativi piuttosto prevedibili, ciò non sottrae alla storia la sua forza e il suo calore, soprattutto per un pubblico adolescente.

 

CRITICA

"(...) 'Colpa delle stelle' (2014) è il modello di riferimento (lì era il cancro) ma forse il pathos della patologia c' è sempre stato nel sentimento tra ragazzi, ripensando alla tisi nell'opera lirica da Verdi a Puccini. In questo caso il film di Baldoni, filmmaker ex attore proveniente da YouTube, dove caricò la sua vera proposta di matrimonio diventata virale, è quasi entusiasmante grazie a due ottimi attori come Cole Sprouse (Will) e la superlativa Haley Lu Richardson (Stella). Soprattutto lei è magnifica." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 21 marzo 2019)

" Il cinema ha usato i più diversi stratagemmi per raccontare storie di amore impossibile tra giovanissimi: guerre, pregiudizi razziali, rivalità famigliari, da Romeo e Giulietta alle saghe distopiche tipo Hunger Games. Da un po' di tempo, però, l'ostacolo prevalente è la malattia. A volte con una dose di cinismo, film come Colpa delle stelle, Noi siamo tutto o Il sole a mezzanotte ci hanno raccontato il destino di ragazze e ragazzi affetti da malattie rare, che li segregano e impediscono loro di vivere il primo amore. Non è diverso il caso di A un metro da te, che il regista esordiente Justin Baldoni ha diretto basandosi sull'esperienza di un amico, diventata una sceneggiatura, poi un romanzo per "giovani adulti". Anzi, il film di Baldoni alza la posta in gioco rispetto ai precedenti: e tuttavia non risulta né cinico né ricattatorio (con l'eccezione di un crescendo melodrammatico verso la fine). Tanto che la Lega Italiana Fibrosi Cistica onlus, l'associazione che lavora per migliorare la vita e le cure dei pazienti con fibrosi cistica, lo ha ritenuto meritevole di segnalazione per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla grave malattia genetica, per la quale non esiste ancora una cura risolutiva." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 21 marzo 2019)

"(...) Come possiamo chiamare questo genere cinematografico? Giovani in amore nonostante il tumore? 'Colpa delle stelle' (2014) è il modello di riferimento (lì c'era proprio il cancro) ma forse il pathos della patologia c'è sempre stato nelle love story ripensando alla tisi nell' opera lirica da Verdi a Puccini. Il film di Baldoni è quasi entusiasmante grazie a due ottimi attori come Cole Sprouse (Will) e la superlativa Haley Lu Richardson (Stella). Soprattutto lei è fantastica." ('Il Messaggero', 28 marzo 2019)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy