Allied

Robert Zemeckis fa il non sequel di Casablanca con gli atoni Brad Pitt e Marion Cotillard: da dimenticare

9 gennaio 2017
2/5
Allied

Fossero rimasti insieme, che ne sarebbe stato di Rick ed Ilsa? Tranquilli, Allied non è il sequel di Casablanca, anche se gli piacerebbe. Del resto, Brad Pitt e Marion Cotillard non sono Humphrey Bogart e Ingrid Bergman, anche se Dio solo sa quanto gli piacerebbe.

Al contrario, Pitt e la Cotillard, nei panni di due agenti segreti nella Seconda Guerra Mondiale, sono una delle cose peggiori del film: zero chimica, zero passione, zero credibilità nelle scene intime, e in tutte le rimanenti. Pensare che il gossip li voleva fedifraghi sul set: per carità, olio e acqua, altro che Alleati.

Con un po’ di cattiveria, ma neanche troppa, la sinossi di Allied potrebbe essere questa: Robert Zemeckis porta al parco un bellissimo cane e una bellissima cagna. Non che Zemeckis non abbia colpe: la maestria tecnica, l’eleganza registica non si discutono, nemmeno qui, ma sarà che è un film in costume, sarà che lo script di Steven Knight (sceneggiatore di Piccoli affari sporchi, Eastern Promises) non pare nelle sue corde l’effetto è il diorama, la lacca estetica su una poetica inadempiente. Insomma, un compitino senza arte né parte, una sterile e anoressica parafrasi della poesia, leggi Casablanca et similia, che fu.

Forse è (neo) neo classicismo, forse un rigurgito di (post) postmoderno, forse cinefilia e nostalgismo, ma non si entra mai nel film, non vi si crede mai, e per un thriller non è problema da poco: latitanti le emozioni, sbiaditi i personaggi, che cosa seguo, le belle immagini e la nostalgia canaglia?

Comunque sia, Allied si apre con l’inglese Max Vatan (Pitt) paracadutato nel deserto del Marocco francese e condotto in un nightclub dove deve incontrare l’agente transalpina Marianne Beausejour (Cotillard): fingendosi marito e moglie, dovranno eliminare l’ambasciatore tedesco. La finzione prende la mano o, meglio, i cuori, e centrato l’obiettivo Max chiederà a Marianne di seguirlo in Inghilterra e sposarlo…

Nota a margine, i bombardamenti della Luftwaffe su Londra, nonché l’abbattimento di un aereo, sono notevoli: del resto, chi non ricorda Flight?

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy