Dentro Roma, Fuorinorma

Il 26 ottobre debutta con Per amor vostro di Giuseppe Gaudino il festival espanso coordinato da Adriano Aprà
Dentro Roma, Fuorinorma

Il festival  Fuorinorma debutterà giovedì 26 ottobre, alle ore 17, all’Off/Off Theatre – in via Giulia, 19, a Roma –  con il film Per amor vostro di Giuseppe Gaudino con una straordinaria Valeria Golino, vincitrice della Coppa Volpi alla 72. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Fuorinorma è un  innovativo progetto festivaliero, un “Festival espanso” proposto e coordinato da Adriano Aprà .

Sostiene Aprà: «Questo progetto nasce dalla consapevolezza che negli ultimi anni si è manifestata in Italia una tendenza neosperimentale, sia nel cinema di finzione che in quello documentario, verso un rinnovamento delle forme espressive che finalmente allinea il cinema italiano con le ricerche più avanzate in campo mondiale. Nello stesso tempo sono nate a Roma e in tutta Italia sale alternative interessate a proiettare opere spesso emarginate dal sistema industriale. Abbiamo quindi pensato di promuovere una selezione ragionata di queste opere, troppo spesso poco viste, riunendo (per ora) alcune sale romane e proponendo loro di proiettarle sotto l’etichetta proposta».


Dopo l’opening di giovedì 26 , sempre all’Off/Off Theatre , in via Giulia, 19 –  così prosegue il programma delle prime sette giornate di Fuorinorma:

 venerdì 27 ottobre, alle 17 :  la brillante distopia fantascientifica di Marco De Angelis e Antonio Di Trapani Terra (2015), vincitore della Mostra di Pesaro;

sabato 28 ottobre, alle 17: Ofelia non annega (2016), un film di Francesca Fini. Un’opera sperimentale che mescola la performance dell’autrice al repertorio concedendo un’inedita struttura narrativa al film;

mercoledì 1 novembre, alle 17: l’innovativo Puccini e la fanciulla di Paolo Benvenuti (2008), che richiama l’estetica moderna del Rossellini televisivo e di Straub-Huillet;

giovedì 2 novembre, alle 17: il religioso e a tratti straziante Sangue di Pippo Delbono (2013);

venerdì 3  novembre, alle 17 : l’acclamato Spira mirabilis di Martina Parenti e Massimo D’Anolfi (2016), presentato alla scorsa edizione della Mostra di Venezia;

sabato 4 novembre, alle 15:30: Storia di una donna amata e di un assassino gentile di Luigi M. Faccini (2007-2009), un viaggio a ritroso nel tempo che, come dice l’autore, non insegue la nostalgia e non si rifugia nella malinconia;

dal 6 novembre, Fuorinorma proseguirà in altre sale indipendenti romane.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy