Little Joe

Jessica Hausner per la prima volta in lingua inglese e in Concorso a Cannes: tanta fitogenetica per nulla, timido il film quanto le idee

17 Maggio 2019
2/5
Little Joe

Quinto lungometraggio in dieci anni – ha esordito nel 2009 con Lourdes – per l’austriaca Jessica Hausner e il suo primo in lingua inglese: Little Joe la porta per la quarta volta a Cannes, ma questa in Concorso. Emily Beecham vi interpreta Alice, una fitogenetista impegnata a creare una pianta dagli effetti anti-depressivi, financo euforizzanti: all’insaputa della società, presso cui è impiegato anche il suo spasimante Chris (Ben Whishaw), la donna porta a casa un esemplare, e lo ribattezza Little Joe, dal nome del figlio.

Atmosfere, gli piacerebbe, alla Gattaca, voltaggio tra il mystery e il thriller, eppure la pianta è grama, la cifra poetico-stilistica è la sospensione o, meglio, l’incapacità del colpo d’ala, del redde rationem, di quel che vi pare: distopia portami via? Macché, si sta tra gli ignavi, il polline impollina gli umani, la pianta è sterile e però si vuole perpetuare: che fare?

Innanzitutto, un film, almeno uno capace di (s)muovere da presentazione ad azione, da studio a risultato: qui no, gli attori a mezzo servizio secondo copione, i registri accennati, che non sai poi, cara Hausner, se sci-fi o ci sei. Tutto timido, in primis le idee, e le emozioni, be’, da laboratorio: la montagna di pianta ha partorito un topolino di film. Lo chiameremo Little Joe.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy