L’Arminuta

Giuseppe Bonito adatta il bestseller di Donatella Di Pietrantonio: alla Festa di Roma, e poi in sala, con gusto e sostanza

15 Ottobre 2021
3,5/5
L’Arminuta

Dal romanzo bestseller di Donatella Di Pietrantonio, vincitore del Premio Campiello 2017, al film – il terzo dopo Pulce non c’è (2012) e Figli (2020, sceneggiatura di Mattia Torre), di Giuseppe Bonito: L’Arminuta è l’unico titolo italiano nella Selezione Ufficiale della XVI Festa di Roma.

Sceneggiatura della stessa Di Pietrantonio con Monica Zapelli, il cast è felice: Sofia Fiore è L’Arminuta, Carlotta De Leonardis Adriana, Vanessa Scalera la Madre, Fabrizio Ferracane il Padre, Elena Lietti Adalgisa.
Con loro torniamo all’estate del 1975, allorché una ragazzina di tredici anni viene restituita alla famiglia cui non sapeva di appartenere: non le viene concesso nemmeno il nome, per tutti è l’Arminuta, ovvero in dialetto abruzzese la “ritornata”.

Il passaggio è traumatico: dalla borghesia al proletariato, dalla modernità all’arcaicità, dal mare all’entroterra, dall’essere figlia unica ad avere altri cinque tra fratelli e sorelle, la ragazzina viene catapultata nell’ignoto, costretta ad abbandonare la vita precedente per altri legami, orizzonti e destini.
Non sarà il suo un supino adeguarsi, complice l’intelligenza (più dell’educazione), la determinazione e una naturale empatia saprà rendere prossimo l’estraneo, vicino lo sconosciuto.

Bonito assiste il romanzo di (ri)formazione con tatto, senza strafare nella forma né rimaneggiare la sostanza: il coming of age è fedele al romanzo, pudico nell’ambizione, medi(an)o nello stile, complice una macchina da presa che sta, e non solo fattivamente, all’altezza della protagonista. Script e regia non lavorano eccessivamente sulla contrapposizione, ma insinuano e perseguono la conciliazione degli opposti: l’Arminuta vuole, richiama un’aurea mediocritas, le convergenze parallele tra il passato e il futuro, l’agiatezza e la miseria, e viceversa.

Ogni cosa è illuminata, a partire dalla fotografia di Alfredo Betrò, con moderazione semantica, senza contrasti chiaroscurali, un passo prima del diorama, due dopo la mera illustrazione: l’aggetto è per i personaggi, gli attori tutti all’altezza, con nota di merito per una profonda, tragica Vanessa Scalera, il precipitato di un’umanità dolente, coatta, ma non doma né prostrata.

La ragazzina senza nome ritorna: da e a chi, dove e perché sta a noi.

Lascia una recensione

1 Comment on "L’Arminuta"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
loland10
Ospite
“L’Arminuta” (2021) è il terzo lungometraggio del regista Giuseppe Bonito. Ragazza di tredici anni senza nome (la ‘Ritornata”), uno sguardo perso e una vita che sembra da prendere ogni giorno. Con un prima che non conosce più e un dopo nebuloso e incerto. Girato in forma dialettale abruzzese -teramana- (anche se le riprese sono state effettuate nella sabina reatina), con un linguaggio povero e scarno e una sceneggiatura essenziale priva di ridondanze eccessive. Tratto da libro omonimo di Donatella Di Pietrantonio che ha scritto il film insieme a Monica Zapelli. Il gruppo dei minorenni (le due bambine soprattutto) e la… Leggi il resto »
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy