Il professore e il pazzo

L'incredibile storia vera dei due uomini che diedero vita all’Oxford English Dictionary. In un film che riesce a rendere la portata dell'impresa solo parzialmente

21 Marzo 2019
2/5
Il professore e il pazzo

C’erano una volta un professore e un pazzo. Uno scozzese e un americano. Due uomini straordinari che cambiarono il corso della storia della letteratura dando vita all’Oxford English Dictionary.

Un’opera monumentale che racchiudeva tutte le parole della lingua inglese antica e moderna. Promosso dalla Philological Society di Londra, il lavoro di compilazione cominciò a pieno regime nel 1879 sotto l’energica direzione del Signor James Murray (Mel Gibson).

Nella difficile impresa di scovare il significato delle parole il professore, tra i tanti volontari, fu aiutato da un ex paziente di un ospedale psichiatrico, il dottor W.C. Minor, interpretato da un bravissimo Sean Penn, senza il quale l’impresa di questo dizionario forse non sarebbe mai proseguita.

 

È una storia incredibilmente vera quella diretta da P. B. Shemran, tratta dal romanzo L’assassino più colto del mondo di Simon Winchester (1998). Nonostante però si parli della nascita del più grande dizionario della storia con la sua infinita quantità di termini, ma il vocabolario del regista rimane piuttosto classico e poco variegato. E soprattutto nella seconda parte cede il passo al didascalico abbondando di frasi ad effetto: “Imparate a leggere è la libertà”, “Quando leggo nessuno mi dà la caccia, ma sono io che inseguo” fino a “Più un amore è impossibile e più è grande”.

Insomma, questo film riesce solo parzialmente a restituirci la portata grandiosa di questa impresa epica, antesignana di quella che oggi è Wikipedia, l’enciclopedia più completa mai concepita prima grazie al crowdsourcing.

Nella seconda parte inoltre si distacca molto dal tema di partenza per concentrarsi sulla storia parallela della vedova Eliza Merrett (Natalie Dormer) e sul suo rapporto con Minor (anni prima infatti l’uomo, già preda della sua follia, aveva ucciso per errore il marito di lei scambiandolo per un suo persecutore immaginario e lei era rimasta sola con sei figli a carico).

Di conseguenza si trascura il tema centrale e di sicuro più interessante del film e cioè la pazzesca caccia alle parole compiuta da questi due uomini e la loro amicizia.

Un legame, quello tra Il professore e il pazzo, nato con lo scopo di cercare i segni che queste lasciavano nel corso dei secoli lungo il loro percorso lungo e tortuoso. Li trovarono per migliaia di vocaboli (nel 1928, quando fu pubblicato il risultato finale, il dizionario era composto da 12 volumi, con 414.825 definizioni e 1.827.306 citazioni ed esempi per illustrarne il significato). I due uomini li scovarono perché le parole nel tempo lasciano sempre una traccia. I film però no. E questo è uno di quelli.

 

Lascia una recensione

16 Commenti on "Il professore e il pazzo"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Marisa Raffetto
Ospite

il film e bellissimo, tragico, di una umanita incredibile.difficile rimanere indifferenti e non identificarsi nell’assassino e negli altri personaggi

Monica Santoro
Ospite

Ciao. La bravura di Sean Penn colma a mio avviso alcuni aspetti criticabili del film, come il lasciar spazio alla storia d’amore e alle relazioni in genere rispetto al tema della parola e della ricerca. Ma molto sinceramente mi ha colpito che la recensione non sia affatto ben scritta. Forse errori di trascrizione??? Peccato, viste le critiche sollevate.

brunella mastropietro
Ospite
brunella mastropietro

Concordo su tutto, in particolar modo associandomi alle critiche rivolte allo stile vergognoso della recensione.

Lamberto
Ospite
Un film interessante e commovente, ricco di sfumature, recitato con grandi capacità espressive, elegante e colto, sottolineato da un colonna sonora preziosa. Sullo sfondo la storia della nascita dell’Oxford English Dictionary. Ma in primo piano la storia di famiglie e comunità con uomini, donne e bambini che danno vita e umanità al film. Il regista pone la sua attenzione su alcuni ambienti: l’accademia di Oxford, il carcere psichiatrico, la Famiglia del “professore” e quella della vittima del “pazzo”, ambientate nell’Inghilterra vittoriana. Al loro interno vivono i personaggi del film. Il “professore”, coltissimo autodidatta, impegnato a realizzare il sogno della sua… Leggi il resto »
Cardinale Giuseppina
Ospite
Recensione che non coglie il messaggio e il significato del film , che invece mio marito ed io abbiamo apprezzato tanto , le “affinità elettive ” che legano i protagonisti maggiori – Murray e Chester ,ma anche le figure di due donne ,Ada – AMICA, AMANTE, MUSA, MOGLIE,MADRE,CONSIGLIERA, MENTORE….e la vedova , donna del popolo, illiterate ma piena di Pathos, perché al di la della storia accademica della compilazione del famoso Oxford dictionary , sono proprio il PAThOS, IL LEGAME , LE AFFINITÀ ELETTIVE , l’ AMICIZIA /AMORE che emergono nel film…il tutto con lo sfondo di una Inghilterra Vittoriana… Leggi il resto »
miriam
Ospite

Non condivido affatto, a me è piaciuto molto.

Amelia Mannone
Ospite
Non credo si possa parlare di trascuratezza nel film. Trovo un garbato equilibrio sia nella trama che nella estrinsecazione dei caratteri. Sensibilità e dovizia di sfumature…temi pregnanti, dalla psichiatria nascente e barbarica del tempo ma comunque carica di intenti produttivi, all’ideale motivante impegno culturale dal sapore epocale, ed ancora l’ escalation di un amore raffinato nato dalla fisiologica iniziale tenebra vendicativa; e poi una sintonica amicizia seminata nel fruttuoso dominio di parole sussurrate, evaporate, sublimate, tra passione ed ironia in una simbiotica comunione progettuale che nasce da un equivoco ma cresce nella consapevolezza di spiriti nobili e imperituri. Salvezza, perdono,… Leggi il resto »
Isabella
Ospite

Trovo che il film inneggi all’amore x la lettura, per la letteratura e i libri come espressione di libertà al di fuori dagli schemi. Quando leggi sei soltanto un uomo, non più professore, non più pazzo… Solo un uomo libero.

Bruno
Ospite

il film al di la’ della storia se sia stata riportata nel modo corretto e’ molto bello.
Due attori insuperabili ed anche la Meryl Streep in una bella interpretazione all’altezza dei suoi canoni,non conoscevo Natalie Dormer buona attrice che forse maturera’ non all’altezza dei mostri sacri sopra citati.La fotografia del film e’ splendida l’ambientazione dell’Inghilterra fine 800 con gli ambienti universitari ottima .darei al film un buon 3 stelle

brunella mastropietro
Ospite
brunella mastropietro

Meryl Streep non figura nel cast. Quale film ha visto, scusi?

Francesco
Ospite

I film non lasciano traccia? Ma che dice?

Leon
Ospite

Ha visto un altro film

giulio berton
Ospite
Leggendo la recensione e guardando il film mi pare di aver visto due cose diverse. Recitazione ad altissimo livello, di Gibson e Penn che a volte gigioneggiano, ma rimangono immensi. Che dire poi del secondino dalle tante sfumature di umanità, interpretato da un Eddie Marsan in gran spolvero. Ci sono poi dei dialoghi che possono essere ricordati nella storia del cinema. Se una critica può essere fatta è di aver messa troppa carne al fuoco, ci sono tanti temi nel film che forse avrebbero richiesto più tempo e magari due film o una serie televisiva. La votazione di 2/5 mi… Leggi il resto »
Mike
Ospite

Io cara giulia stento a credere alle parole della tua recensione, nonché al voto complessivo, lo hai visto il film, si? Rimango “agghiacciato” ovvero…

“chilled”: adj (drink: cold) freddo agg  ghiacciato agg A glass of chilled lemonade is wonderful on hot days. Un bicchiere di limonata ghiacciata è quel che ci vuole nelle giornate afose.

😀

Fulvio
Ospite

Giulia Lucchini…la signora che forse si è addormentata durante il film ..
E sicuramente di lei non ci sarà traccia futura…visto cosa ha scritto in merito

Roberto
Ospite

Film straordinario a mio avviso con notevoli interpreti. I temi sono profondi e la fotografia molto bella.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy