Dolce fine giornata

Dalla paura dell'altro agli attacchi terroristici: la carne è tanta, il fuoco debole. Con Kasia Smutniak e Antonio Catania, regia di Jacek Borcuch

4 Febbraio 2021
2/5
Dolce fine giornata

Presentato al Sundance Film Festival 2019 e ambientato in Italia, precisamente in Toscana, Dolce fine giornata (su Sky Cinema Due, targato Fandango) racconta la storia di una poetessa ebrea polacca. L’opera quarta del regista polacco Jacek Borcuch, interpretata da Krystyna Janda (nel ruolo della poetessa), Kasia Smutniak e Antonio Catania, rispettivamente nei panni della figlia e del marito di lei, si propone di affrontare una serie di tematiche importanti come la paura dell’altro, la xenofobia, gli attacchi terroristici e, last but not least, meno importante, ma poco affrontato al cinema: le storie clandestine in età avanzata e con uno molto più giovane.

Marie Linde, questo il nome della poetessa, si è infatti presa una bella cotta per un ragazzo immigrato egiziano (Lorenzo de Moor) perché è uno “curioso del mondo, intelligente e anche laborioso. Un brav’uomo”. Nonostante lo scetticismo della figlia (“Sei sicura di sapere cosa fai?” “Io non sono sicura di nulla”) lei prosegue in questa relazione sfrecciando con la sua auto lungo le strade deserte della campagna toscana sentendo a tutto volume la magnifica canzone di Mina Città vuota.

Peccato che vuote non sono solo le vie e la città della canzone, ma anche questo film. Predomina un sentimento di vacuità durante tutta la visione, anche quando, al contrario, si vorrebbe stimolare il pensiero e la riflessione. Come nel momento clou della storia: quando Marie Linde al ritiro del premio Nobel mostrerà il suo spirito libero, rivoluzionario e controcorrente, portando allo scoperto le ipocrisie di un’Europa nella quale impera una tolleranza finta in una società multiculturale e che “merita di crollare sotto il peso della propria impotenza”.

Sotto traccia c’è il complicato rapporto tra una madre e una figlia (l’interpretazione della Smutiniak forse è la cosa migliore di tutto il film), che purtroppo rimane poco sviluppato. Per il resto ci si perde in questa più che Dolce, vacua, fine giornata.

Lascia una recensione

4 Commenti on "Dolce fine giornata"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Antonio rado'
Ospite

Trovo questa recensione estremamente inesatta e scritta con un pressapochismo preoccupante.
Non siamo più abituati a film densi, carichi di significato che ci forzano a pensare.
Ho trovato questo film molto coraggioso, interpretato magistralmente dagli attori.

Giovanni Palillo
Ospite
Si tratta di un film che vuole affrontare tanti temi contemporanei e che non riesce a risolverli tutti.La poetessa protagonista ha chiuso con un mondo che le è estraneo,ma da cui prende le distanze con un discorso paradossale in cui rinnega in parte la sua vita mentre ne apre un’altra innamorandosi,una piccola cotta,del giovane egiziano.Tuttavia quando alla figli risponde che non ne sa nulla dell’amore senile sembra scivolare nell’ovvia routine di una vita in calando e forse con poche speranze.Certo la poetessa mette in luce contraddizioni di una società fintamente multiculturale mentre domina un razzismo più o meno strisciante.Fortunatamente la… Leggi il resto »
Doc
Ospite

Il Maresciallo è un padre sconvolto e ferito e impaurito dalle conseguenze delle parole ….. che nel 21 secolo possono essere pericolose, nonostante siano di denuncia.

Doc
Ospite

Non mi è piaciuto. Le parole sono importanti, ma molto pericolose e, anche se di denuncia, in certi casi possono avere conseguenze ancora più gravi. Alcuni ruoli e temi potevano essere sviluppati meglio. 2 * e mezzo.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy