Una giornata per Proietti

Giovedì 5 novembre, sui canali social della Casa del Cinema, l’omaggio all’attore romano attraverso aneddoti, filmati, ricordi e le parole del direttore Giorgio Gosetti
4 Novembre 2020
Eventi, Personaggi
Una giornata per Proietti
Gigi Proietti (Webphoto)

Come tutte le istituzioni culturali di Roma Capitale anche Casa del Cinema rende domani omaggio all’arte e alla romanità di un grande attore come Luigi Proietti in arte Gigi. Lo fa con l’angolazione del cinema, sul filo della memoria e della meraviglia per un talento che molto spesso ha saputo uscire dalla convenzione, reinventarsi in mille parti, guardando al mondo con l’occhio smagato e ironico dell’istrione che non si prende mai sul serio e fa dell’ironia l’arma più affilata per raccontare l’indole della sua gente e della sua arte. Sui social di Casa del Cinema e attraverso gli hashtag #laculturaincasa e #romarama verrà proposto nell’intera giornata di giovedì  5 novembre un piccolo caleidoscopio di immagini e parole che restituiscono Gigi Proietti al suo pubblico.

Alle 10.30 il direttore Giorgio Gosetti ne racconta il percorso tra cinema e televisione cominciato alla metà degli anni ’60, passando per il sodalizio con i grandi di Cinecittà fino al successo popolare del suo Maresciallo Rocca.

Alle 12.00 verrà segnalato il suo spettacolo più personale e meno conosciuto, Caro Petrolini in cui Proietti riversa tutto il suo vitalismo nelle maschere create da quell’artista unico a cui sempre si è ispirato; l’originalità dell’operazione sta però nella formidabile complicità con un talento fuori dagli schemi quanto il suo, quello di Ugo Gregoretti che aveva scoperto le doti televisive di Gigi fin dal Circolo Pickwick e poi nel modernissimo Le Tigri di Mompracem.

Alle 15.00 ecco una selezione di momenti cinematografici in cui si inquadra bene il percorso dell’attore: dall’indimenticabile Elogio del ladro ne La proprietà non è più un furto di Elio Petri (1973), alla sua improvvisazione sul doppiaggio datata 2013, fino all’inedito cortometraggio Waltere scritto e interpretato da Claudio Pallottini nel 2015 per la regia di Carlotta Proietti.

Infine, alle 16.30 verrà condivisa grazie alla collaborazione della Fondazione CSC una preziosa intervista di Felice Laudadio in cui Proietti, già mattatore “indiscusso”,  riflette sul senso del mestiere e sul suo percorso artistico.

In questi giorni scrive Giorgio Gosetti ci siamo tutti fermati ripercorrendo ammirati i ‘cavalli di battaglia’ di Gigi Proietti. E con tutti quelli che lo amano si è fermata anche la sua città, Roma, per un applauso muto e complice. Per lui non ci sono più parole perché è come se – zitto zitto – se ne fosse andato in punta di piedi l’estro segreto che ci abita tutti. Ma che solo Gigi ha saputo trasformare in arte e spettacolo restituendo luce e calore, proprio adesso, alla nostra città e alla scena italiana. Grazie Gigi.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy