Rete degli spettatori, ecco i film pronti a tornare in sala

Seconda chance al cinema per 11 titoli italiani d’autore pronti a una seconda vita al cinema. Dall'animazione di Gatta Cenerentola al rock di Nico 1988
Rete degli spettatori, ecco i film pronti a tornare in sala

Lanciata la settima stagione della Rete degli spettatori: 11 i film italiani d’autori pronti a una seconda vita al cinema.
Fra i titoli della selezione 2018 della Rete degli spettatori(http://www.retedeglispettatori.it/), associazione culturale indipendente, presieduta da Valerio Jalongo, che si prefigge di “promuovere film italiani di qualita’ e di dare loro una seconda chance quando sono penalizzati dal mercato”, il noir animato Gatta Cenerentola, Nico 1988 di Susanna Nicchiarelli, film ha vinto il Premio Orizzonti per il miglior film alla 74ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e Easy di Andrea Magnani; Tito e gli alieni di Paola Randi con Valerio Mastandrea che ha conquistato critica e pubblico al Festival di Torino; Hannah di Andrea Pallaoro (per questo film Charlotte Rampling ha vinto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile a Venezia 74 ) e L’equilibrio di Vincenzo Marra.

In accordo con l’associazione 100autori, la Rete degli spettatori, nata nel 2011, ha individuato una giuria di critici (Marianna Cappi, Franco Dassisti, Fabio Giusti, Roy Menarini e Francesco Di Pace) per scegliere le opere di quest’anno (nove film di finzione e due documentari) tra quelli presentati nei maggiori festival italiani (Venezia, Roma, Torino) o usciti in sala da giugno a novembre 2017 con meno di 100 copie. Completano la selezione: Il contagio di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini dal romanzo di Walter Siti, Dove non ho mai abitato di Paolo Franchi con Emmanuelle Devos e Fabrizio Gifuni, L’intrusa di Leonardo di Costanzo e i documentari Country for old men di Stefano Cravero e Pietro Jona e Ibi di Andrea Segre.

“La Rete degli Spettatori, riportando i film in sala, lavora sulla variabile più importante e negletta: quella del tempo – sostiene la giuria dei critici -. È solo dando ai film in questione altro tempo, quel tempo che è stato loro sottratto alla data d’uscita ufficiale, sottomessa ad uno smontaggio rapido e doloroso, che tali film possono ancora crescere e non rimanere bonsai contro la loro volontà e contro l’interesse di tutti, spettatori per primi.”

Le opere saranno promosse già dalle prossime settimane, grazie alla collaborazione con 189 sale in 17 regioni e il sostegno di Siae, Mibact e Regione Lazio, attraverso vari eventi, come incontri nei cinema e nelle scuole tra autori e pubblico e favorendo visibilità e circolazione con progetti come Cinelibrary, un archivio formato da video di approfondimento dedicati ai film inseriti nella selezione per promuoverli attraverso notizie, curiosita’, aneddoti, informazioni sulle riprese e interviste agli autori.

Dal 2011 la Rete degli spettatori ha organizzato 900 proiezioni, coinvolgendo 189 sale di 17 regioni italiane – Abruzzo (4), Basilicata (5), Campania (10), Emilia Romagna (27), Friuli Venezia Giulia (6), Lazio (18), Liguria (7), Lombardia (26), Marche (13), Molise (1), Puglia (8), Sardegna (3), Sicilia (7), Toscana (16), Trentino Alto Adige (2), Calabria (5), Umbria (13), Veneto (12), Piemonte (6) – e nel 2017 ha coinvolto con le varie iniziative oltre 6000 studenti.

 

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy