Mission: Impossible su la Rivista del Cinematografo

Sul numero di luglio/agosto vi parliamo del sesto capitolo della saga di Ethan Hunt, con un approfondimento di Gianni Riotta
4 Luglio 2018
Eventi, In evidenza
Mission: Impossible su la Rivista del Cinematografo
MISSION: IMPOSSIBLE - FALLOUT

“Le spie del grande schermo conoscono a memoria ogni tecnica di seduzione (non esiste donna che sappia resistere), padroneggiano tutti gli stili di combattimento e sono addirittura gentiluomini: hanno un’eleganza aristocratica e una vastissima cultura. Che cosa si può volere di più? La fantasia sovrasta la realtà, e per un paio d’ore abbondanti si dimenticano le preoccupazioni del quotidiano”, scrive Gian Luca Pisacane nell’articolo Yes I can, dedicato a Tom Cruise e alla fortunata saga di Mission Impossible. L’attore indossa per la sesta volta i panni di Ethan Hunt, l’agente segreto del superomismo americano in Mission: Impossible – Fallout, dal 29 agosto nelle sale italiane.

In realtà sono pochissimi gli agenti segreti in azione come inviati speciali. Gianni Riotta ne L’insostenibile pesantezza dello spione spiega che “Il cinema stenta a cogliere la natura dell’intelligence perché le spie vere son sedentarie, pochissimi vanno in giro a menare le mani, gli altri leggono alla scrivania informazioni e dossier come travet, non commando”.

Riotta ricorda Polgar (ultimo Capo della Cia a Saigon, durante il Vietnam): “Un uomo così dimesso, negli abiti e nei modi, da essere scambiato per un cartolaio. Mentre la città era in fiamme (Saigon n.d.r.), Polgar restò indietro a distruggere l’archivio delle spie americane. […] Calvo, occhiali da miope, accento ungherese mai perduto, era una vera spia, ma in che modo la si potrebbe portare, con realismo, sugli schermi?”.

 

E fu proprio la sconfitta subita in Vietnam dagli Stati Uniti a segnare il momento di crisi della originaria serie televisiva Missione Impossibile. Solo dopo decenni “La Paramount portò l’avventura al cinema con Brian De Palma dietro la macchina da presa, e fu un successo planetario, incassando quasi cinquecento milioni di dollari. Il sequel era d’obbligo. Mission: Impossible ha lanciato una tendenza, è diventato un punto di riferimento per i franchise futuri, come quello dello smemorato Jason Bourne di Matt Damon”, racconta ancora Gian Luca Pisacane.

Per leggere tutti gli articoli abbonatevi alla Rivista del Cinematografo.

Affrettati!

Per abbonarti clicca qui

Lascia una recensione

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy