L’Anica scrive al ministro

L’industria richiede al MiBACT una deroga al decreto Bonisoli per accedere ai benefici nel caso in cui un film non possa uscire nelle sale
L’Anica scrive al ministro

L’industria cinematografica e audiovisiva ha richiesto al MiBACT una deroga al decreto Bonisoli per poter accedere ai benefici (tax credit, contributi automatici e selettivi) anche nel caso in cui un film non possa uscire nelle sale cinematografiche.

In particolare la lettera, di cui sono firmatari Luigi Lonigro, presidente della sezione distributori ANICA; Francesca Cima, presidente della sezione produttori ANICA, e Mario Lorini, presidente di ANEC-Associazione nazionale esercenti cinema, contiene la richiesta al MiBACT di una deroga parziale all’art. 2 del DM MiBACT n. 303 del 14 luglio 2017 e successive modifiche, che regola l’accesso alle agevolazioni per le pellicole italiane.

La missiva, rivolta al Ministero per i beni e le attività culturali, è stata dettata da circostanze del tutto eccezionali e limitata al periodo di chiusura obbligatoria delle sale dovuta all’emergenza Covid19, con l’obiettivo di non penalizzare le opere cinematografiche italiane che, a causa delle limitazioni emergenziali, non potrebbero soddisfare il requisito dell’uscita in sala previsto dal Decreto Esclusioni per accedere ai benefici della Legge Franceschini.

Per Francesco RutelliPresidente Anica“ Il lavoro svolto dai Presidenti è stato il frutto di un confronto responsabile ed equilibrato, particolarmente apprezzabile in un momento così difficile per il Paese e, in particolare, per la filiera cinematografica e audiovisiva gravemente colpita dalle necessarie restrizioni a tutela della salute pubblica”

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy