Due amici e un cane

"Ci siamo distaccati dall'originale spagnolo Truman", dice il regista Simone Spada. Che dirige Giallini e Mastandrea in Domani è un altro giorno
Due amici e un cane

“Facendo l’attore puoi fare qualsiasi cosa”. Parola di Valerio Mastandrea alla presentazione del film  Domani è un altro giorno di Simone Spada nel quale è protagonista insieme a Marco Giallini.

Siamo abituati a vederlo nel ruolo del paziente malato di cancro nella serie tv La prima linea, questa volta invece Mastandrea è colui che sostiene negli ultimi giorni di vita l’amico (Giallini) colpito dal brutto male. 

Oscar Wilde disse: “Se un amico non mi invita al suo compleanno non importa, ma se non condivide con me un grande dolore allora mi offendo”. In questa frase (non a caso citata nella pellicola) è racchiuso il senso del film. La storia di due grandi amici da sempre che passeranno quattro indimenticabili giorni a Roma tra momenti divertenti e momenti commoventi. Una riflessione non solo sull’amicizia, ma su come l’animo umano si comporta quando la vita gli pone davanti la malattia.

Il film è un remake dello spagnolo Truman-Un vero amico è per sempre (2015) di Cesc Gay: “C’è stata una lunghissima trattativa per avere i diritti della pellicola- spiega il produttore Maurizio Tedesco- Abbiamo deciso di rifarlo perché in Spagna aveva avuto un grandissimo successo, vincendo diversi premi Goya, ma ci siamo voluti distaccare dalla storia originale e raccontare quella di due amici romani. Ho pensato di farlo interpretare da Giallini e Mastandrea perché sono i due attori che più stimo nel cinema italiano e infatti mi sembra che siano davvero perfetti nel ruolo. Questo film è sia ironico che drammatico come la grande commedia all’italiana che tanto amo. Pensiamo a Il sorpasso. C’è del dramma che si unisce a una risata liberatoria”.

E sul fatto che il film sia un remake specifica: “Quante nuove versioni sono state fatte di Amleto o di Romeo e Giulietta? Si può benissimo riprendere una storia e farne qualcosa di diverso”. 

Dopo essere stato per oltre vent’anni aiuto regista per film come Non essere cattivo di Claudio Caligari e Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti e dopo la sua opera prima Hotel Gagarin (2018), da lui scritta e diretta, il regista Simone Spada ha quindi reinterpretato insieme agli sceneggiatori Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo un film spagnolo, mantenendo la struttura e gran parte dei dialoghi, ma adattandolo al contesto italiano o meglio romano.

Nel film anche la famosa canzone di Ornella Vanoni Domani è un altro giorno (da cui il titolo della pellicola), brano qui interpretato da Noemi: “Il confronto con Ornella è tosto perché lei è veramente una grande- dice la cantante- E’ stato davvero un onore fare parte di questo progetto interpretato da due grandi attori. Sono una di quelle persone che pensa sempre che domani è un altro giorno e ho messo in campo la mia voce e il mio vissuto in questo film sulla malattia”.

Nel cast anche Anna Ferzetti (“Ho lavorato bene con Valerio e Marco perché ci conosciamo da tanto tempo e siamo amici anche nella vita”, dice l’attrice) e un bellissimo cane, un bovaro del bernese di nome Pato, che con i suoi occhioni tristi è riuscito a comunicare al meglio quella malinconia che pervade tutto il film. 

Domani è un altro giorno uscirà nelle sale il 28 febbraio distribuito in 400 copie da Medusa. 

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy