Auguri Scola!

"Sono ottimista, grazie ai giovani", dice il regista di C'eravamo tanto amati. Che domani compie 80 anni
9 Maggio 2011
Auguri Scola!

“Sono ottimista, per un futuro neanche troppo lontano, che però io non vedrò. E lo sono grazie ai giovani”. Così ai David di Donatello, che gli hanno attribuito un riconoscimento speciale, il regista Ettore Scola, che domani 10 maggio compirà 80 anni: traguardo anagrafico importante, e cinematograficamente d’eccellenza.  
Nato a Trevico, Avellino, il 10 maggio 1931, Scola si trasferisce con la famiglia a Roma, dove ancora oggi vive e lavora. L’incontro con il mondo del cinema inizia alla fine degli anni ’40, quando durante l’Università inizia a pubblicare bozzetti sul giornale umoristico “Marc’Aurelio” facendosi notare per il suo sarcasmo pungente. Da qui inizia a collaborare come “battutista” alla bottega di sceneggiatura di Marcello Marchesi e Vittorio Metz. Dopo un lungo tirocinio, a partire dagli anni’50 lavora come co-sceneggiatore.
Il suo esordio alla regia è del 1964 con la commedia in costume Se permettete parliamo di donne con Vittorio Gassman, scritto insieme a Maccari. Sullo stesso genere segue Dramma della gelosia: tutti i particolari in cronaca (1970) per cui Marcello Mastroianni vince una Palma d’oro a Cannes come migliore attore.
Dopo il drammatico Trevico – Torino (1973), torna alla commedia con C’eravamo tanto amati (1974) con il quale s’impone come uno degli autori di punta del cinema italiano attraverso un grande affresco generazionale, ripercorrendo le tappe della storia italiana dalla Liberazione fino ai cosiddetti “anni di piombo”. Il film ottiene un Nastro d’argento e il César per la miglior sceneggiatura e il Primo premio al Festival di Mosca.
Nel 1976 è la volta di Brutti, sporchi e cattivi (Premio per la regia al Festival di Cannes), dedicato al sottoproletariato delle borgate romane con uno straordinario Nino Manfredi. Nel 1977 con Una giornata particolare vince un David di Donatello per la miglior regia, il Nastro d’argento per la miglior sceneggiatura, il César come miglior film straniero, un Golden Globe e una nomination all’Oscar per il miglior film straniero.
Con La Terrazza (1980) ripropone un feroce ritratto degli intellettuali progressisti romani e ottiene il Nastro d’argento per la miglior sceneggiatura, la Palma d’oro a Cannes a Carla Gravina, la Palma d’oro per la migliore sceneggiatura. La sua delicata capacità di attenzione alle figure femminili torna con forza nell’inconsueto Passione d’amore (1981), per cui ottiene un Nastro d’argento per la sceneggiatura.
Negli anni ’80, Scola abbandona quasi del tutto la commedia per dedicarsi alla Storia attraverso grandi e suggestive metafore narrative, come Il mondo nuovo (1982), ambientato nel 1791 durante la Rivoluzione francese (David di Donatello per la migliore sceneggiatura). Segue nell’83 Ballando ballando in cui ripercorre 50 anni di storia francese (David di Donatello per la miglior regia, Orso d’argento per la miglior regia a Berlino, tre César per miglior film, miglior regia e migliore sceneggiatura, nomination all’Oscar come miglior film straniero).
Il suo film più completo è forse La famiglia del 1987 (tre David di Donatello per miglior film, migliore regia, migliore sceneggiatura, due Nastri d’argento per miglior regia e migliore sceneggiatura, nomination all’Oscar come miglior film straniero), cui seguono Che ora è (1989) dove il regista mette a confronto un padre distratto (Marcello Mastroianni) e un figlio scontroso (Massimo Troisi). I due protagonisti ricevono il Premio per la migliore interpretazione maschile al Festival di Venezia. Nel 1995 Scola torna alla commedia dirigendo Alberto Sordi ne Romanzo di un giovane povero (Premio come migliore attrice a Isabella Ferrari al Festival di Venezia). Nel film La cena (1998, Nastro d’argento al complesso degli attori), il regista racconta dell’Italia degli ultimi anni Novanta. Nel 2000 firma la regia di Concorrenza sleale ambientato a Roma nel 1938, con Diego Abatantuono e Sergio Castellitto, e nel 2003 Gente di Roma, omaggio alla Capitale attraverso un mosaico di immagini, personaggi e storie. L’ultima sua opera è il documentario dedicato a Sergio Amidei. Ritratto di uno scrittore di cinema.
Pochi giorni fa, appunto, ha ricevuto il David alla carriera della 55ma edizione dei Premi David di Donatello.
Domani la Casa del Cinema di Roma lo festeggerà con la proiezione de La famiglia (ore 16), il cortometraggio 43-97 (ore 20.30) e Io la conoscevo bene diretto da Pietrangeli e co-sceneggiato da Scola.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy