Una giornata di Ivan Denisovich

One Day in the Life of Ivan Denisovich

GRAN BRETAGNA - 1970
Una giornata di Ivan Denisovich
Nel 1942, durante il conflitto mondiale, la divisione cui appartiene il soldato Ivan Denisovich viene attaccata dal nemico ed egli finisce, con altri, prigioniero dei tedeschi. Riuscito ad evadere, la sua fuga viene considerata come una colpa: ritenuto una spia del nemico è condannato a dieci anni di lavori forzati in un campo siberiano ed addetto, con un altro centinaio di detenuti, alla costruzione di un circolo culturale socialista. Il freddo è terribile, il cibo scarso, la sorveglianza spietata. I prigionieri vengono contati quattro, cinque volte al giorno, perquisiti, trattati come un gregge di pecore, presi a pugni e a calci: talvolta si abbatte, su di loro, il pesante scudiscio del tenente Volkovoj. In questo inferno, in cui l'uomo è ridotto in uno stato di profondo abbruttimento, preoccupato soltanto di soddisfare i propri bisogni primordiali, c'è qualcuno, come il fervente battista Aljoska, che la sera nascostamente prega e legge il Vangelo, che vi porta un poco di umanità e di luce. Anche Ivan prega, ma per ringraziare il Signore di avergli concesso ancora un giorno eguale ad altri che lo hanno preceduto, un giorno in cui egli ha avuto una buona "sorte", ha potuto comprarsi un poco di tabacco, ha evitato la spaventosa cella di rigore.
  • Altri titoli:
    En Dag i Ivan Denisovitsj' liv
  • Durata: 105'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM, PANORAMICA, TECHNICOLOR, EASTMANCOLOR
  • Tratto da: romanzo "Odin den iz zhizni Ivana Denisovicha" di Aleksandr Solzenicyn
  • Produzione: GROUP W FILMS LLC, LEONTES, NORSK FILM A/S
  • Distribuzione: REGIONALE (1975)

CRITICA

"Con un linguaggio sobrio il film partecipa allo spettatore la drammaticità di una situazione nella quale si trovano i prigionieri di un campo di concentramento. La lotta per la sopravvivenza in condizioni così degradanti fa nascere in questi uomini un tipo di solidarietà e di cameratismo dove affiorano anche alcuni elementi religiosi. Il fatto di aver resistito un giorno in più in tali circostanze rappresenta già un fatto eccezionale per Ivan Denisovich e lo stimola ad affrontare con rinnovata speranza i numerosi giorni a venire. Il contenuto del film ha una ripercussione universale in quanto permette allo spettatore attento di evocare numerose situazioni analoghe: sotto diversi regimi politici in ogni parte del mondo molti uomini soffrono gli abusi del potere a causa delle loro convinzioni." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 78, 1975)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy