TRAVERSATA NERA

ITALIA - 1939
Su un piroscafo mercantile prendono posto alcuni passeggeri che si imbarcano da un porto del Levante diretti in Europa. Fra costoro vi è un losco individuo, che consegna al capitano una cassetta di valori perché la custodisca fino allo sbarco. Egli è legato da misteriosi e inconfessabili rapporti con una donna, cantante di varietà, anch'essa imbarcata con alcune ballerine, la quale - a sua volta - è complice di un levantino che vuole impossessarsi della preziosa cassetta. Durante le prime ore di navigazione la nave è raggiunta da un motoscafo che trasporta il figlio di un ammiraglio inglese diretto in Europa. Nella prima notte di navigazione il losco individuo di cui sopra è trovato ucciso. Il capitano della nave tenta una inchiesta ma, attraverso le prime indagini, viene a conoscere elementi tali che involgono tutti i passeggeri nello stesso sospetto di omicidio. Intanto, per un incidente alle macchine, il vapore sta per affondare. Il capitano fa porre in salvo i passeggeri e l'equipaggio, e rimane con il figlio dell'ammiraglio ed un marinaio. Le caldaie scoppiano e nella tragicità del momento egli riceve la confessione del giovane inglese, che, ha ucciso per strappare dalle mani dell'avversario alcuni documenti delicatissimi. Quando giungono le scialuppe di una nave accorsa allo S.O.S. l'inglese resta a bordo per essere inghiottito con i resti del vapore che affonda.

CAST

CRITICA

"Il film, di produzione nazionale, è tratto da un dramma giallo, prodotto nostrano esso pure, e ci narra la mirabolante e orripilante storia di una nave che cola a picco dopo che su di essa sono stati compiuti parechi misfatti (...)". (G. Molteni, "L'Italia" 7/12/39).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy