THE DREAMERS

USA - 1985
THE DREAMERS
Dalle note di regia: "E' la storia di una grande cantante che perde la sua voce e diventa vagabonda, senza identità. Si tratta di un romanzo, The Dreamers di Isak Dinesen, combinato con un'altra storia, sempre della stessa autrice, Echoes. In quest'ultimo romanzo, Pellegrina, la protagonista, arriva in un villaggio, dopo aver vissuto una storia d'amore, non si sa quale, si sa solo che lei è invecchiata, e che la storia precedente era un'aspra storia d'amore. Lei arriva in questo sinistro piccolo villaggio di montagna, la notte cade, lei entra in una chiesa perché è il solo posto dove possa ripararsi dal maltempo, lei si inginocchia, e un coro di fanciulli intona un canto, e quando uno tra loro canta un assolo, lei riconosce la propria voce in quella di un ragazzo. Lei si ferma nel villaggio, gli dà delle lezioni, sapendo che fra tre anni il mondo riascolterà la sua voce. Egli è troppo giovane, ma è ugualmente una specie di rapporto molto erotico, e alla fine la rabbia del ragazzo si volgerà contro di lei. Lui le lancia delle pietre fino a che lei lascia il villaggio. Alla fine della storia, lei si ferma a un incrocio e si domanda: giro a sinistra o a destra?"
  • Durata: 20'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, SENTIMENTALE
  • Tratto da: ROMANZO "THE DREAMERS" E NOVELLA "ECHOES" ENTRAMBI DI ISAK DINESEN (KAREN BLIXEN)

NOTE

- WELLES CI HA LAVORATO TRA IL 1978 E IL 1985.

- E' STATO GIRATO MATERIALE PER CIRCA 20' AD HOLLYWOOD NELLA CASA DI OJA KADAR.

CRITICA

" E' l'ultimo sogno di Orson: così la Kodar descrive questo adattamento a colori di due storie di Isak Dinesen, su cui lavorò tra il 1978 e il 1985. Mentre cercava senza successo di raccogliere il denaro per il progetto, Welles girò diverse prove e qualche scena, venti minuti in tutto, dentro e intorno alla casa di Hollywood che divideva con la Kodar, con Graver come direttore della fotografia e la Kodar nella parte di Pellegrina - una cantante d'opera che, avendo perso la propria voce, decide di vivere molte altre storie ... Probabilmente il più romantico degli ultimi progetti di Welles, 'The Dreamers' avrebbe quasi sicuramente dato vita ed esaltato un uso raffinato del colore. Per due anni a Madrid, il fotografo José Maria Castellvi lavorò come 'color scout' per Welles fotografando precisi cambiamenti di colore delle foglie nel parco in differenti momenti della giornata, registrando il tempo e la data di ogni fotografia, tutto in preparazione di una sequenza da girare in Spagna". (Jonathan Rosenbaum, 1986)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy