Square

POLONIA, TAIWAN - 2018
3/5
Square
La pacifica esistenza di una cittadina viene turbata da un oggetto misterioso seminascosto fra i cespugli della piazza. Si dice che sia una scultura risalente al regime politico ormai tramontato. Un giorno la scultura comincia a mormorare, e progressivamente il suo canto diventa più intelligibile: «Vorrei porti una domanda». Gli abitanti sanno fin troppo bene che le domande possono essere scomode e, per sottrarsi a eventuali complicazioni, smettono di ascoltare la scultura.
  • Durata: 78'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: FOTOAURA INSTUTUTE OF PHOTOGRAPHY, KAROLINA BREGUŁA, COPRODOTTO ADAM MICKIEWICZ INSTITUTE

RECENSIONE

di Andrea Giovalè
Ultimo film in concorso, dopo il puro documentario di Meseta, si torna alla pura fiction con Square, di Karolina Bregula. Un'antica scultura, nascosta dai cespugli di una pianta, comincia a comunicare con i passanti. Prima è un flebile sussurro, poi evolve in canto, dolce, suadente. Ma ciò che comunica sembra inquietare parte dei cittadini, almeno coloro che non ne sono ammaliati.

"Vorrei farti una domanda", dice la scultura, ancora e ancora, ripetendosi all'ossessione o riducendosi, improvvisamente, al silenzio. Nessuno degli ascoltatori sembra chiedersi quale sia la domanda, piuttosto qualcuno obietta che "tanto non conosceremmo la risposta".

Il tono del film si sposta di netto da weird a eerie, da strano a inquietante, quando la statua, sempre non vista, dal canto prende a urlare. La frase è sempre la stessa, tanto che le parole perdono significato, il grido ha valore di denuncia di per sé.

La scultura è un cuore rivelatore post-moderno, nell'ambientazione taiwanese che si tinge di Orwell e Saramago. Un particolare incomprensibile finisce per scuotere, nelle fondamenta, una società basata sull'auto-illusione, sulla non-coscienza civile, storica e politica.

Il passato interroga i cittadini, mentre la regista polacca, attrice nelle brevi sequenze girate a Varsavia, apostrofa direttamente gli spettatori, rompendo la quarta parete nel monologo-esperimento più interessante dell'intera pellicola (contrappeso di una recitazione, per il resto, piuttosto tiepida).

Noi, come loro, siamo ben disposti a godere del canto e dell'urlo, educazione positiva e negativa di un dramma oscuro, profondo. Ma, al contrario dei personaggi, ci saremmo spinti più in là, avremmo dischiuso un po' di più quel vaso di Pandora che, alla fine, rimane quasi del tutto impenetrabile, anzi, impenetrato.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy