People I Know

USA - 2002
People I Know
Eli Wurman è abile ed esperto nelle pubbliche relazioni e da molti anni si prende cura della vita pubblica di diversi personaggi ricchi e famosi. Conosce la gente giusta e per lui niente è impossibile da realizzare finché si imbatte in Jilli, l'amichetta scomoda di un suo cliente, l'attore Cary Launer candidato per il senato. Invece di accompagnare la ragazza all'aeroporto, la segue in uno strano club privato dove assiste a un omicidio. Da questo momento la sua vita cambia radicalmente e Eli si rende conto che, nonostante conosca persone importanti, l'unica che potrebbe dargli una mano è l'ex cognata Victoria.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO, THRILLER, ROMANTICO
  • Produzione: MYRIAD PICTURES, SOUTH FORK PICTURES
  • Distribuzione: CDI - MEDUSA DVD (2003)
  • Data uscita 4 Ottobre 2002

CRITICA

"'One man show' per Al Pacino che, ispirandosi al pr Bobby Zarem, si trascina per una pellicola dolente e crepuscolare. La regia di Dan Algrant non è di prima qualità, ma i tempi dilatati e la lotta perdente del protagonista rendono 'People I Know' un bell'omaggio alla New Hollywood dei '70. Fuori tempo massimo, come il riscatto di Eli". (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 4 ottobre 2002)

"Piacevole sorpresa d'inizio stagione, è la diagnosi di paura dell'uomo metropolitano qualunque che non aveva previsto mai quell'emozione, quel rischio della vita. (...) la parte migliore del film è il percorso della crisi di un uomo che credeva di essere ormai al sicuro fino alla fine dei suoi giorni. Un po' Polansky, un po' neonoir, segna anche il ritorno della Basinger in una parte di sostegno e incitamento dove la ex diva impiega la virtù della maturità. Prodotto da Robert Redford, è diretto da uno dei registi di 'Sex and the city'". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 4 ottobre 2002)

"Difficile da collocare in un genere preciso (il suo fascino consiste anche in questo), 'People I Know' è una struggente parabola metropolitana con sfumature di noir interpretata da un Al Pacino sempre più strapazzato, bravo ai limiti della gigioneria, così pieno di carisma da farsi perdonare il più assurdo taglio di capelli mai passato per la testa di una star". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 13 ottobre 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy