Mr. Crocodile Dundee 2

'Crocodile' Dundee II

AUSTRALIA - 1988
Mr. Crocodile Dundee 2
Il "selvaggio" Mick Crocodile Dundee, dopo aver lasciato l'Australia, suo Paese natale, si è trasferito con Sue Charlton, un'intraprendente reporter, a New York. Qui si è fatto molti amici ed è divenuto assai popolare. Improvvisamente Mick e Sue vengono perseguitati da Rico, un boliviano, boss dell'eroina, e dai suoi scagnozzi, poichè l'ex marito di Sue, dopo essere riuscito a fotografare in Bolivia il covo dei trafficanti, prima di essere ucciso era riuscito a spedire alla donna tali fotografie. La banda sequestra Sue in piena strada e la conduce nella villa del boss. Mick interviene e, aiutato da una banda di punk, libera fortunosamente la donna. A Mick e Sue non resta che tornarsene in Australia, dove Dundee possiede della terra e perfino una miniera (eredità di uno zio). Senonchè Rico e i suoi si rifanno presto vivi: la coppia, che era stata accolta con vera gioia e simpatia sia da Wally Reilly sia dagli altri vecchi amici, è perseguitata, nell'intento di recuperare le fotografie accusatrici. In fuga nella foresta, che però conosce a menadito, Mick, non solo ricorrendo a vecchi trucchi nei quali è maestro indiscusso, ma anche aiutato da una tribù di aborigeni di cui è amico da sempre, avrà la meglio con la cattura o l'uccisione dei cattivi e, questa volta, resterà nel Continente in cui è nato, unitamente alla graziosa compagna.
  • Durata: 112'
  • Colore: C
  • Genere: AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: SCOPE
  • Produzione: JOHN CORNELL E JANE SCOTT PER PARAMOUNT
  • Distribuzione: UIP - CIC VIDEO

CRITICA

Chi ha detto che un seguito dev'essere necessariamente inferiore all'originale? Cambiato regista ecco un secondo gustoso capitolo delle divertenti avventure di Nick Dundee che è una guerra dichiarata a "Rambo" e al cinema violento. (Laura e Morando Morandini, Telesette)

La carta vincente del primo film era il contrasto fra Dundee e la metropoli. Venendo a mancare questo, la seconda puntata risulta molto meno efficace: in Australia il grande cacciatore non fa alcuna impressione. Un film più avventuroso che divertente. (Francesco Mininni, Magazine italiano tv)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy