Le amiche della sposa

Bridesmaids

USA - 2011
Le amiche della sposa
Annie ha superato i trent'anni, è single e al verde, e sta per entrare nel vorticoso mondo delle damigelle d'onore: la sua migliore amica Lillian, infatti, sta per sposarsi e le ha chiesto di essere la sua prima damigella. Annie si lancia quindi in tutti i rituali richiesti ed entra in contatto con Helen, Rita, Becca e Megan, le altre ragazze che compongono il gruppo delle damigelle, ma ben presto si renderà conto di quanto difficile sia portare perfettamente a compimento tutti i doveri della brava damigella e che nel gruppo c'è qualcuno ben disposto a soffiarle l'ambito ruolo...
  • Altri titoli:
    La boda de mi mejor amiga
    Mes meilleures amies
    Mes meilleures amies
  • Durata: 125'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: ARRIFLEX 435 ES, PANAVISION PANAFLEX PLATINUM, 35 MM (1:2.35)
  • Produzione: JUDD APATOW, BARRY MENDEL, CLAYTON TOWNSEND, ANNIE MUMOLO E KRISTEN WIIG PER APATOW PRODUCTIONS, RELATIVITY MEDIA
  • Distribuzione: UNIVERSAL - DVD: UNIVERSAL
  • Data uscita 19 Agosto 2011

TRAILER

NOTE

- PAUL FEIG FIGURA ANCHE COME PRODUTTORE ESECUTIVO.

- CANDIDATO AI GOLDEN GLOBES 2012 PER: MIGLIOR FILM (COMMEDIA/MUSICAL) E ATTRICE PROTAGONISTA (KRISTEN WIIG).

- CANDIDATO ALL'OSCAR 2012 PER: MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA (MELISSA MCCARTHY) E MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE.

CRITICA

"Campione della comicità 'politicamente scorretta' nonché traghettatore di nuovi talenti al cinema (qui Kristen Wiig, anche sceneggiatrice), il produttore Judd Apatow traduce al femminile il fortunato 'Una notte da leoni'. Il repertorio edificante del chick-flick (il film 'per pollastrelle') è rivoltato come un calzino: gag scatologiche, battute sul sesso, calcolato cattivo gusto. Perfette le sei attrici, con una nota di lode per quella che fa Rita, Wendy McLendon-Covey." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 20 agosto 2011)

"Difficile capire se questa incursione femminile nell'inespugnabile maschiocentricità della commedia postapatowiana li aveva divertiti o messi in allarme - come quando un amico appare con la fidanzata alla partita, al bar favorito o al tavolo di poker. Dopo tutto, al cinema, le ragazze non si comportano come i Delta Tau Chi di 'Animal House'.... Sintomaticamente, l'idea di oltrepassare la barriera dei generi, contaminando dello humor orgogliosamente basso, spesso scatologico e totalmente infantile, la nuvola di tulle e zucchero candito che avvolge i preparativi per un matrimonio è stata proprio di Judd Apatow, che dopo aver usato la filiforme, nervosissima, comica di 'Saturday Night Live' Kristen Wiig per una particina in 'Knocked Up', le ha affidato un intero film. (...). In questo film, diversamente da 'Animal House', per i Delta Tau Chi c'è l'happy ending. E il segreto del successo stratosferico del film negli Stati uniti (170 milioni di dollari al botteghino e già 100 incassati all'estero) sta proprio nella sua capacità di essere entrambe le cose - un gavettone di catrame puzzolente e una profumata meringata alla panna." (Giulia D'Angelo Vallan, 'Il Manifesto', 19 agosto 2011)

"Il cinema americano ha la straordinaria abilità di incorporare l'attualità nelle sue storie, non solo attraverso film politicamente impegnati, ma anche attraverso generi più popolari. E' il caso di 'Le amiche della sposa', la commedia scritta e interpretata da Kristen Wiig, parte del team del 'Saturday Night Live', e prodotta dal quel Judd Apatow che ha rinnovato la commedia americana con film come 'Molto incinta' e '40 anni vergine'. (...) La scrittura brillante della Wiig e la sua appartenenza al gruppo comico capitanato da Judd Apatow fanno sì che il suo umorismo sia aggiornato alle ultime tendenze, compreso il filone di 'Una notte da leoni', non disdegnando volgarità e scene disgustose anche se la sua è una storia di donne educate e ben vestite (il clou è la scena in cui, dopo aver mangiato cibo brasiliano, le ragazze si producono in esternazioni fisiche di ogni tipo): come dire, le comiche tengono testa alle loro controparti maschili senza fare 'le femminucce'. Ma 'Le amiche della sposa' non dimentica di avere un cuore, e Annie resta per tutto il film un personaggio con cui è facile identificarsi e per cui è impossibile non fare il tifo. Tanto il film quanto l'attrice riescono a commuovere anche quando fanno sorridere, e temi importanti come la paura della povertà, la solidarietà femminile e la necessità di adeguare le proprie aspettative alla realtà senza per questo vendere l'anima (o il corpo) sono trattati con arguzia e rispetto." (Paola Casela, 'Europa', 20 agosto 2011)

"Ben Stiller e Adam Sandler fatevi un poco più in là: sono arrivate le ragazze e, rassegnatevi, fanno ridere più di voi. Forti della lezione glamour di 'Sex and the City', quindi capaci di essere bellocce anche quando la natura non è stata generosa, spigliate nel linguaggio e disinvolte nel chiamare ogni cosa (proprio ogni cosa) col suo nome, le scatenate amiche della sposa e lo futura sposa non risparmiano nessuno e imbastiscono irresistibili preparativi di nozze, conditi con disastrosi imprevisti e persino scatologiche comicità. E anche se l'intreccio è già visto, si ride proprio tanto, in un film che conviene vedere con le amiche, giocando magari a vestirsi tutte rosa confetto per l'occasione. Fanno simpatia tutte le attrici, molte figlie della scuola del 'Saturday Night Live'." (Erica Arioso, 'Gioia', 19 agosto 2011)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy