Land

QATAR, MESSICO, OLANDA, ITALIA, FRANCIA - 2017
Land
Nella riserva indiana di Prairie Wolf vive la famiglia dei Denetclaw. Li raggiunge la notizia della morte di Floyd, il figlio minore, morto in combattimento in Afghanistan; inizia l'attesa del corpo del ragazzo che deve essere riportato nella riserva per la sepoltura. Wesley, il più giovane dei figli ancora in vita, è un alcolista. La morte del fratello sembra non riguardarlo in alcun modo, l'unico scopo delle sue giornate è procurarsi della birra. Wesley è quotidianamente in contatto con i bianchi che gestiscono i negozi di liquori appena fuori dalla riserva. Quando la già difficile relazione tra le due comunità, i nativi e i bianchi, raggiunge un livello di massima tensione Wesley ne è direttamente colpito. Raymond, il fratello maggiore, è un ex-alcolista con una moglie e due figli. Nonostante senta una forte responsabilità verso l'intera famiglia, Raymond è troppo impotente e chiuso in se stesso per fare qualcosa per loro. Fino a quando i problemi che affliggono i due fratelli più giovani lo obbligheranno a reagire e a tornare ad essere un uomo.
  • Durata: 111'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: GINEVRA ELKANN, CHRISTOPHE AUDEGUIS PER ASMARA FILMS, THE CUP OF TEA, TOPKAPI FILMS, PIANO, TO BE CONTINUED, CON RAI CINEMA
  • Distribuzione: ASMARA FILMS (2019)
  • Data uscita 21 Febbraio 2019

TRAILER

NOTE

- PRODUTTORI ESECUTIVI: GIANFRANCO BARBAGALLO, GABRIEL STAVENHAGEN, JULIO CHAVEZMONTES.

- FILM RICONOSCIUTO DI INTERESSE CULTURALE CON CONTRIBUTO ECONOMICO DEL MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA CULTURALI-DIREZIONE GENERALE CINEMA; REALIZZATO CON IL SOSTEGNO DI EURIMAGES; CON LA PARTECIPAZIONE DI: AIDE AUX CINEMAS DU MONDE, CENTRE NATIONAL DU CINEMA ET DE L'IMAGE ANIMEE, MINISTERE DES AFFAIRES ETRANGERES ET DU DEVELOPPEMENT INTERNATIONAL E INSTITUT FRANÇAIS ; CON IL SUPPORTO DI: TORINO FILM LAB, THE NETHERALNDS FILM FUND; IN ASSOCIAZIONE CON BANCA DEL FUCINO; CON IL SOSTEGNO DI: DOHA FILM INSTITUTE, PROGRAMMA MEDIA DELL'UNIONE EUROPEA.

- PRESENTATO AL 68. FESTIVAL DI BERLINO (2018) NELLA SEZIONE 'PANORAMA'.

- PRESENTATO AL 36. TORINO FILM FESTIVAL (2018)

CRITICA

"(...) Il film diretto dall'anglo-iraniano Babak Jalali (ma di co-produzione italiana), presentato alla Berlinale l' anno scorso, ne fa un ritratto che a sua volta porta con sé gli echi di un cinemaballata, amaro e lontano dalla Hollywood d'oggi, ma passato attraverso il filtro del cinema d autore: appena un po' ostentato nella lentezza del ritmo e nella composizione delle inquadrature, ma con un' adesione sincera alla disperazione di queste vite." (Emiliano Morreale, 'La Repubblica', 21 febbraio 2019)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy