La vendetta della pantera rosa

Revenge of the Pink Panter

USA, GRAN BRETAGNA - 1978
La vendetta della pantera rosa
Philippe Douvier è il corrispondente parigino di "Cosa Nostra" che da tempo agisce dietro la rispettabile facciata di grosso industriale. Negli ultimi tempi gli affari mafiosi non hanno ottenuto da lui il desiderato sviluppo e, per conseguenza, i boss newyorkesi Scallini e Marchione hanno deciso di silurarlo. Per parare il colpo, il Douvier decide di farsi bello mediante l'eliminazione dell'ispettore della Surété Jacques Clouseau, reduce dal conferimento di non meritate medaglie. Il poliziotto pasticcione, spalleggiato dal fedele domestico Cato, si salva da un attentato nel quale muore in sua vece il brigante Claude Rousseau e può agire indisturbato in quanto i mafiosi lo credono morto. Le maggiori difficoltà le trova nell'eterno rivale Charles Dreyfus, ripescato dal manicomio dopo la presunta morte del collega e incaricato delle indagini del caso. Informato da Simone Legrée dei loschi affari di droga della mafia francese-americana, Clouseau si reca ad Hong Kong con Cato e con la ragazza, ex segretaria e amante di Douvier. Con sfacciata fortuna, l'ispettore capo parigino s'impossessa della nave Gannet carica di 40 kg. di droga e consegna l'intera banda alla polizia internazionale.
  • Altri titoli:
    THE CURSE OF THE PINK PANTHER
  • Durata: 104'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO, COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: SCOPE, PANAVISION, TECHNICOLOR
  • Produzione: BLAKE EDWARDS PER JEWEL PRODUCTIONS INC., PIMLICO FILMS
  • Distribuzione: UNITED ARTISTIS - WARNER HOME VIDEO

NOTE

- TITOLI: ARTHUR LEONARDI E JOHN DUNN.

- ANIMAZIONE: DE PATIE FRELENG.

- IL FILM E' STATO CAMPIONE DI INCASSSI IN GRAN BRETAGNA NEL 1978.

CRITICA

"Sostanzialmente simile alle precedenti puntate sulle avventure del singolare ispettore Clouseau, detto 'Pantera Rosa', questo film si regge tutto sulla figura del poliziotto confusionario e inetto che il Fato conduce alla vittoria contro ogni probabilità. Le avventure non sono né inedite né trascendenti per umorismo; ma intrattengono ugualmente con sufficiente efficacia grazie agli sforzi dei noti caratteristi e grazie alle varie e pittoresche ambientazioni. Forse la scatola della confezione è in questo caso più gustosa dei cioccolatini che contiene; ma si fa ammirare." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 86, 1979)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy