LA PRIGIONE

ITALIA - 1942
LA PRIGIONE
Un giovane contabile di un penitenziario provinciale, fidanzato con una maestra del luogo, si innamora di una cantante capitata nella città. La donna che ha avuto un passato burrascoso, è dapprima divertita dalla relazione, ma poi è presa anch'essa dall'affetto del giovanotto che per lei ha rovinato la propria carriera. I due decidono di fuggire insieme e di rifarsi una vita. Sennonché un detenuto - che aveva a suo tempo sedotto la ragazza - riesce ad impedire la loro unione. Il giovane allora comprende l'errore commesso, fa ammenda delle proprie colpe e ritorna all'amore semplice della maestrina.
  • Durata: 80'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: TRATTO DAL ROMANZO OMONIMO DI MARIO PUCCINI
  • Produzione: BASSOLI FILM
  • Distribuzione: ENIC (1944)

NOTE

PRIMA DEL TITOLO DEFINITIVO IL FILM ERA STATO PREANNUNCIATO COME "SERENATA D'AMORE".
GIRATO NEGLI STABILIMENTI FERT DI TORINO.

CRITICA

" 'La prigione' è un film di Ferruccio Cerio che può anche sorprendere: per la qualità psicologica della vicenda, il realismo non letterario di alcuni tratti, la recitazione di Liliana Laine, Gianni Santuccio e Manuel Roero, esordienti sullo schermo. Anche Cerio arriva dal teatro e l'abitudine alla costruzione drammatica e al dialogo costringeva un'indubbia vena narrativa nel 'Cavaliere senza nome' e nell'
'Ultimo addio', al solito errore. Nel nuovo film, la volontà di spiegare caratteri e tormenti amorosi con un linguaggio di visi e cose è evidente, ma troppi sono i modelli che le immagini ripetono. La regia, insomma, è un'eco." (E. Ferdinando Palmieri, "L'illustrazione italiana"-n.14-15, aprile 1944)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy