LA CAPINERA DEL MULINO

ITALIA - 1956
LA CAPINERA DEL MULINO
A Borgofiore, sul Garda, vive una mugnaia, Gisella, con la figlia adottiva Giusi, fidanzata al di lei figliolo, Mario, che è in marina. Un ricco usuraio del paese, Aimone, mosso da fini abietti, architetta un imbroglio, che dovrebbe mettere le due donne alla sua mercé. Istigato da lui, Gino, uno scioperato, figlio del padrino di Mario, Gilberto Monti, recatosi da Gisella, riesce a farle credere che tra lui e Mario, quando entrambi erano in fasce, sia avvenuto uno scambio. L'inganno riesce grazie anche alla collaborazione di una vecchia megera, che vive col padre di Gino, e si spaccia per veggente. Con un giro di cambiali e mediante ricatti Aimone è riuscito ad acquistare un assoluto dominio su Gino e suo padre, facendone degli obbedienti esecutori dei suoi ordini. Benché Mario sia stato dato per disperso in seguito al naufragio della sua nave, avvenuto nel Mar Rosso, Giusi continua a confidare nel suo ritorno e la sua fiducia sarà premiata. Mario ritorna infatti: i tre impostori gli tendono un'imboscata, ma il suo coraggio e la bravura di Giusi e del suo cane lo aiutano a superare ogni pericolo, mentre i malvagi sono eliminati o resi innocui. Aimone precipita nell'abisso, la strega è uccisa, Gino e suo padre vengono arrestati. A Mario ed a Giusi sorride ora l'avvenire.
  • Durata: 120'
  • Colore: B/N
  • Genere: ROMANTICO
  • Tratto da: DAL ROMANZO OMONIMO DI PONSON DU TERRAIL
  • Produzione: ANGIO ZANE PER LA ONDA FILM
  • Distribuzione: ONDA FILM (REGIONALE) - ONDAVIDEO

NOTE

MARY ZENI, CITATA NEI TITOLI, E' MARIA ZANOLI, TERZO NOME DEL CAST.
INTERPRETI: IL CANE GRIEF.

CRITICA

<>. (Segnalazioni Cinematografiche).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy