INQUIETUDINE

INQUIETUDE

PORTOGALLO, FRANCIA, SPAGNA, SVIZZERA - 1998
Un padre molto in avanti negli anni e il figlio di età matura cominciano a parlare e poi finiscono col confrontare opinioni diametralmente opposte sul successo, la fama, l'immortalità. Al culmine della discussione, il vecchio getta il figlio dalla finestra e poi dice che in questo modo lo ha salvato e gli ha dato l'immortalità. Quindi si butta a sua volta. Cala il sipario e gli attori avanzano sul proscenio per raccogliere gli applausi. Tra il pubblico, ecco due giovani, distinti ed eleganti. In un locale osservano due donne e decidono di seguirle. Suzy colpisce l'attenzione di uno dei due, che subito se ne innamora. Riesce ad avvicinarla, a parlarle ma non a comunicare in modo compiuto il proprio sentimento, che rimane inespresso. Su questo si confida lungamente con l'amico, il quale decide allora di raccontargli una storia avvenuta in un remoto villaggio. L'anziana Frisalina aveva le dita d'oro e, scoperta durante la processione, venne subito chiamata strega. Condannata a vivere in isolamento, ne era uscita solo per consigliare una giovane che non voleva sposarsi. Le acque della saggezza, dice l'amico, devono essere abitate da nuovi maestri. I due lanciano verso l'esterno uno sguardo mesto e pensoso. 'Povera Frisalina', 'Povera Suzy': sono le loro parole.

CAST

NOTE

PRESENTATO AL FESTIVAL DI CANNES 1998.

CRITICA

"De Oliveira tesse un altro capitolo della sua grande arte toccando temi a lui cari: il rapporto fra cinema e teatro, l'ambiguo alternarsi fra finzione e realtà, entità dai confini labili e spesso contigui, il mistero della vita. Dialoghi serrati e inquadrature lunghe e fisse per un fiume di parole che toccano il cuore e colpiscono la mente". (Mariolina Diana, 'Segnocinema', settembre/ottobre 20009
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy