Il silenzio

Tystnaden

SVEZIA - 1963
Il silenzio
Tornando a casa dalla villeggiatura, due sorelle, Ester ed Anna, sono costrette a fermarsi in un paese sconosciuto poiché Ester, alcolizzata e malata di tisi, è in preda ad una grave crisi. Il contrasto psicologico già esistente tra le due sorelle esplode in questa occasione in forma assai drammatica, e ne è innocente testimone Johan, il figlio di dieci anni di Anna. Quest'ultima reagisce all'esasperato egocentrismo intellettuale della sorella concedendosi un'ennesima, sordida avventura con uno sconosciuto che incontra in città. Quest'episodio provoca la rottura definitiva fra le due donne. Dopo un drammatico colloquio, Anna abbandona nell'albergo la sorella morente e con Johan riprende il viaggio verso casa. Prima della partenza Ester affiderà al nipotino un biglietto contenente alcune parole che daranno, forse, la chiave del dramma umano.
  • Altri titoli:
    The Silence
  • Durata: 95'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO, PSICOLOGICO
  • Produzione: SVENSK FILMINDUSTRI (SF) AB
  • Distribuzione: INDIEF (1964) - SAN PAOLO AUDIOVISIVI - DVD: BIM/01 DISTRIBUTION (2012)
  • Vietato 14

NOTE

- PRIMA PROIEZIONE 23-9-1963.

CRITICA

"Il film è formalmente pregevole come tutte le altre opere del regista svedese. Le immagini rivestono con intensa e morbida suggestione il terribile dramma che si svolge in un ambiente del tutto immaginario e allusivo di un mondo in totale, apocalittico disfacimento. Il lavoro è di difficile lettura, tutto contenuto com'è in figurazioni simboliche e in rappresentazioni sottili di stati d'animo, efficacemente espressi sul piano dell'interpretazione ma difficilmente intellegibili per quanto riguarda il loro significato umano e spirituale." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 56, 1964)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy