Il grande silenzio

Die grosse stille

GERMANIA, SVIZZERA - 2004
Il grande silenzio
Incorniciata tra le Alpi, molto vicina alla piccola cittadina di Grenoble, c'è la Grande Chartreuse, il più antico monastero dell'ordine dei Certosini. Lì, protetti dalle mura antiche e dal silenzio del luogo, vivono uomini che per tutta la loro vita hanno scelto di amare Dio e di ascoltarne la Parola nel rumore del vento e della pioggia e di vederne l'immagine nello scorrere delle stagioni, misurando lo scorrere del tempo con i rintocchi della campana e il suono delle proprie preghiere. Il regista Philip Gröning, dopo aver atteso per 18 anni, è riuscito ad ottenere il permesso di entrare nella clausura e filmare per sei mesi la quotidianità della vita monastica, portando con sé solo lo stretto necessario, senza luci artificiali e senza altra colonna sonora che i rumori d'ambiente e i canti gregoriani intonati dai monaci.
  • Altri titoli:
    Le grand silence
    Verso il grande silenzio
    Into Great Silence
    Die Große Stille
  • Durata: 164'
  • Colore: C
  • Genere: DOCUMENTARIO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Produzione: PHILIP GRONING PER FILMPRODUKTION, PRODUKTIONSFIRMA, VENTURA FILM S.A., BAVARIA FILM, CINEPLUS, TSI
  • Distribuzione: METACINEMA (2006)
  • Data uscita 31 Marzo 2006

RECENSIONE

di Luca Pellegrini
Nel tempo, la notte a seguire il giorno e il giorno la notte, e le stagioni che portano i loro colori e i loro lievi rumori. E il mormorio di vento leggero, come quello ascoltato da Elia sull'Oreb, che soffia sulla Grande Chartreuse, il monastero madre dell'Ordine dei Certosini, incuneato tra le Alpi, dalle parti di Grenoble. Raccolti e protetti da antiche e austere mura, alveare di santità e di contemplazione, uomini sedotti da Dio e che si sono lasciati sedurre dalla sua Parola e dalla sua Verità scandiscono il trascorrere della vita misurandolo non con le ore canoniche ma con il tocco di una campana e il richiamo alla preghiera comune. Il resto è lavoro. Ora et labora. Philip Gröning ci è finalmente penetrato, tra quelle celle, chiostri, cunicoli e cappelle, dopo diciotto anni di attesa. Per filmare, con il consenso dei monaci e del Priore, questa vita lontana dagli uomini e vicina a Dio. Ci è rimasto quasi sei mesi, da solo, con il severo impegno di portare con se solo il minimo dell'attrezzatura. Niente luci artificiali, se non quelle della creazione; niente commento musicale, se non il canto del gregoriano; nessuna spiegazione o voce esterna, se non alcune citazioni bibliche scritte su fondo nero. E' un silenzio non solo grande, quello che ci accompagna per quasi tre ore: è un silenzio che, nello stupore delle cose di Dio come sull'Oreb, travalica i sensi e diventa "il senso". Una giornata, un mese ed un anno descritti anche con un ceppo di legno, un pezzo bianco di stoffa, un sedano tagliato, una candela e un breviario, un asciugamano e un gatto, un orto e una mucca. Potrebbe essere insostenibile ed inaccettabile, per noi, quella immutabile ripetitività, la pesantezza di quella voluta reclusione, questa innaturale assenza di voci. Ma, come ha affermato l'Arcangelo alla Vergine Madre, nulla è impossibile a Dio. E, da allora, molto è possibile all'uomo che Dio lo cerca, lo brama, lo ama, lo attende.

NOTE

- IN CONCORSO ALLA 62MA MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2005) NELLA SEZIONE "ORIZZONTI".

- VINCITORE DELL' EUROPEAN FILM ACADEMY DOCUMENTARIO 2006 - PRIX ARTE.

- CANDIDATO AI NASTRI D'ARGENTO 2007 COME MIGLIOR FILM EUROPEO.

CRITICA

"Philip Groning ama interrogarsi sulle questioni della vita e quelle esistenziali, infatti un altro suo film è dedicato alla filosofia (Philosophie, 1998), e anche Nel grande silenzio ha posto un interrogativo più profondo: perché alcune persone sono attratte dalla vita in convento e sono disposte a portarla ai massimi estremi, come questi monaci ritiratisi sulle montagne francesi in un luogo dove non passa mai nessuno perché loro non accettano ospiti, e non insegnano in nessuna scuola, e che non fanno altro che pregare. In silenzio. «Una scelta incredibilmente radicale! E pensare che se nel paese vicino muore il parroco, loro non possono nemmeno dire la messa per lui, perché il loro compito è rimanere li dentro. Che estremismo!» " (Elfie Reiter, "Il Manifesto", 20 agosto 2005)

"Il grande silenzio non genera sconcerto, né tanto meno noia, Il grande silenzio è un film ipnotico, un antidoto alle false priorità del nostro tempo. Un film in cui dall?apparente monotonia della quotidianità emerge una sola, semplice certezza: serenità. Un film ancora capace di comunicare come solo il grande cinema sa fare: ad esempio con una sequenza di primi piani tutti uguali e tutti diversi: quelli dei monaci. E naturalmente tutti in silenzio. Anche in sala c'è silenzio, quello delle occasioni rare." (Fabio Falzone, "Avvenire", 22 marzo 2006)

"Non occorre essere mistici, e neppure credenti, per andare all'appuntamento con questo film-monolito straordinario. Basta saper rinunciare a una "storia" per entrare in uno spazio (come dice benissimo il regista il film, più che rappresentarlo, "è diventato" un monastero), in un tempo a parte, in un ritmo - assieme - solenne e lievissimo." (Roberto Nepoti, "La Repubblica", 31 marzo 2006)

"Paziente, il tedesco Philip Groning ha atteso 19 anni di riprendere in silenzio con una telecamera (120 ore in tutto) il quotidiano, le opere e i giorni della vita monacale. Il risultato è un'esperienza straordinaria che coi volti e lo scorrere della natura, fa del Tempo una categoria dello spirito. Ripagato dal successo, l'eloquente viaggio nel paziente, religioso silenzio vive e rimbalza su percezioni, pensieri, associazioni, emozioni del pubblico, come si addice ai grandi spiriti evocatori del cinema (Dreyer, Bergman, Cavalier, Bresson, Resnais ), rispondendo al bisogno di silenzio invocato da Fellini nella "Voce della luna". (Maurizio Porro, "Il Corriere della Sera", 31 marzo 2006)

"Il fascino del silenzio, di una vita rimasta uguale per secoli, dello scorrere del tempo, ripreso con fedeltà, non riesce a toccare i margini del mistero che in esso si annida. Il cinema come pura osservazione è inutile. Il cinema che non riesce ad interrogare la sua materia fallisce il suo compito. E vedere questi monaci dentro una sorta di documentario naturalistico non aiuta a capire le ragioni di quella scelta." (Dario Zonta, "L'Unità", 31 marzo 2006)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy