Il Castello di Vetro

The Glass Castle

USA - 2017
2/5
Il Castello di Vetro
Un'infanzia nomade e travagliata di quattro fratelli che crescono con una madre immatura, più attenta agli scorci da dipingere che alle necessità dei figli, e un padre affettuoso che si getta però in progetti sconclusionati e si rifugia nell'alcool. L'immaginario castello di vetro, che promette un giorno di costruire per le bambine, diventa simbolo dei fallimenti e delle promesse infrante, ma anche dei guizzi della follia e dell'immaginazione. Basato sull'autobiografia della giornalista americana Jeannette Walls.
  • Durata: 127'
  • Colore: C
  • Genere: BIOGRAFICO, DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: (1:2.35), DCP, ARRI ALEXA MINI / ARRI ALEXA XT
  • Tratto da: omonimo romanzo di Jeannette Walls
  • Produzione: KEN KAO, GIL NETTER PER LIONSGATE, NETTER PRODUCTIONS
  • Distribuzione: NOTORIOUS PICTURES, RAI CINEMA (2018)
  • Data uscita 6 Dicembre 2018

TRAILER

RECENSIONE

di Andrea Chimento
Decisamente più nota negli Stati Uniti che in Italia, la giornalista Jeannette Walls ha pubblicato nel 2005 il suo libro di memorie The Glass Castle, diventato presto un best seller. Quel romanzo di grande successo, inerente alla sua infanzia e alle sue esperienze in una famiglia fortemente disfunzionale, si è trasformato in un film che ha cercato di ricreare al meglio questa curiosa storia vera sul grande schermo.

L’elemento più incisivo è rappresentato dai personaggi (a partire dal padre interpretato da Woody Harrelson) protagonisti di questo lungometraggio che, al di là dell’interesse che può suscitare un racconto di vita vissuta, fatica ad appassionare e a risultare originale.

Si tratta di un racconto di formazione che non riesce a trovare un respiro universale e non propone riflessioni particolarmente degne di nota.

Il regista Destin Daniel Cretton si conferma una promessa mai del tutto sbocciata, svolgendo un onesto compitino che non regala grandi guizzi ed emoziona solo a piccoli tratti. Cinque anni dopo Short Term 12, Cretton ha scelto nuovamente come protagonista Brie Larson, che interpreta Jeannette Walls da adulta, e la sua prova è tra i pochi elementi di vera intensità di un film a cui sembra sempre mancare qualcosa per poter coinvolgere come vorrebbe.

NOTE

- PRODUTTORE ESECUTIVO: MIKE DRAKE.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy