Enfances

FRANCIA - 2007
Enfances
È vero che alcuni avvenimenti dell'infanzia possono cambiare la vita e immettere su una strada diversa? Sette registi cercano di fornire una risposta con esempi presi dalla vita di sei loro colleghi famosi.
"Un secret derrière la porte (L'enfance de Fritz Lang)" - Nell'Austria dell'inizio del 900 il piccolo Fritz Lang, cresciuto con il mito del nazionalismo, assiste all'avanzare inesorabile dell'ideologia antisemita. Mentre tutti intorno ne sono conquistati, i familiari di Fritz Lang sembrano rimanere immobili. A 10 anni, il piccolo Fritz scopre che sua madre ha origini ebraiche. Sarà questo a cambiare il destino della sua famiglia ed il suo, che per amore del ricordo di sua madre, prenderà in seguito le dovute distanze dal regime nazista.
"Le regard d'un enfant (L'enfance de Orson Welles)" - Tutte le testimonianze sono concordi nel dichiarare che Orson Welles fu un bambino prodigio. Effettivamente, già a 5 anni è capace di alzarsi in piena notte e recitare interi brani tratti da Shakespeare davanti agli occhi sbigottiti degli amici dei suoi genitori. Un giorno, però, sua madre si ammala gravemente e il piccolo Orson si ritrova improvvisamente senza punti di riferimento e certezza. Ha un'unica convinzione: sua madre non morirà se lui, sfidando il sonno, le resterà accanto giorno e notte fissandola negli occhi.
"Open the Door, Please (L'enfance de Jacques Tati)" - A 12 anni, Jacques Tati era alto già 1.80 centrimetri, ben 30 o 40 centimetri in più dei suoi coetanei. Il suo corpo, cresciuto troppo in fretta, è difficile da gestire e spesso Jacques si sente sgraziato e ingombrante. Il giorno della foto di classe, il fotografo cerca in ogni modo di comporre un quadro in perfetta simmetria. Ma dove mettere quella specie di gigante?
"Le paire de chausseres (L'enfance de Jean Renoir)" - Come ogni anno, Jean Renoir, rampollo di una famiglia molto ricca, parte per trascorrere le vacanze estive nella villa di campagna. Durante le giornate tutte uguali, Jean rincontra Godefer, un suo coetaneo che in passato è stato suo compagno di gioco. Godefer trascorre le giornate nel bosco, a cacciare gli animali e a rubacchiare ai gitanti e, in cambio del bellissimo paio di scarpe nuove calzato da Jean, è pronto a farlo entrare nel suo mondo e a farsi accompagnare da lui nelle sue scorribande.
"Short Night (L'enfance de Alfred Hitchcock)" - Il piccolo Alfred Hitchcock ha una grande passione per il teatro e per gli attori, tanto da avere una ricca collezione di fotografie dei suoi idoli che si è fatto autografare durante l'intervallo delle rappresentazioni. Una sera, però, sua madre decide di punirlo proibendogli di assistere allo spettacolo. Alfred viene mandato a letto mentre i suoi genitori escono per andare a teatro. Svegliatosi di soprassalto in piena notte, Alfred inizia ad urlare e a chiamare la madre, ma nessuno risponde. Solo nella grande casa, Alfred dovrà affrontare una notte terrificante.
"Une naissance (L'enfance d'Ingmar Bergman)" - Per i due fratelli Bergman la vita è molto semplice e lineare. Hanno la loro stanza, i loro giochi e le loro abitudini. Improvvisamente però, la loro tranquillità viene scossa da un evento che entrambi non avevano previsto: l'arrivo di una sorellina. Ingmar e suo fratello, bisognosi di affetto e perseguitati dalla paura del peccato dovranno scontrarsi con il mondo, cercando di ricomporre l'equilibrio perduto.
  • Episodi: Un secret derrière la porte (L'enfance de Fritz Lang) - Le regard d'un enfant (L'enfance de Orson Welles) - Open the Door, Please (L'enfance de Jacques Tati) - Le paire de chausseres (L'enfance de Jean Renoir) - Short Night (L'enfance de Alfred Hitchcock) - Une naissance (L'enfance d'Ingmar Bergman)
  • Altri titoli:
    Childhoods
    Infanzie
  • Durata: 80'
  • Colore: B/N-C
  • Genere: DRAMMATICO, FILM A EPISODI
  • Specifiche tecniche: 35 MM
  • Tratto da: un'idea di Yann Le Gal
  • Produzione: TARA FILMS, ARTE, UMEDIA
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy