Elysium

USA - 2013
4/5
Elysium
Anno 2154. La popolazione è suddivisa in due classi: i più ricchi, che vivono su una incontaminata stazione spaziale artificiale chiamata Elysium, e gli altri, che vivono sul sovrappopolato pianeta Terra in rovina. Il Segretario di Stato Delacourt non si ferma davanti a nulla pur di far rispettare le leggi anti-immigrazione e preservare lo stile di vita lussuoso dei cittadini di Elysium. Allo stesso tempo, anche il popolo della Terra non desiste dal provare ad entrare, con ogni mezzo possibile. A cambiare le sorti di milioni di persone potrebbe essere Max, la cui vita è appesa a un filo...
  • Durata: 109'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, FANTASCIENZA
  • Specifiche tecniche: RED EPIC, REDCODE RAW
  • Produzione: QED INTERNATIONAL, ALPHACORE, KNBERG GENRE, IN ASSOCIAZIONE CON MEDIA RIGHTS CAPITAL
  • Distribuzione: WARNER BROS. PICTURES ITALIA - DVD E BLU-RAY: UNIVERSAL PICTURES HOME ENTERTAINMENT
  • Data uscita 29 Agosto 2013

TRAILER

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
Poche storie: oggi per gli action sci-fi di gusto e senso ci sono in campo solo due nomi, Chris Nolan e Neill Blomkamp. Dopo l'ottimo District 9, il regista sudafricano trova Hollywood, un budget di oltre 100 milioni di dollari, le star Matt Damon e Jodie Foster e un'altra fantascienza distopica: Elysium.
Anno 2154, i poveri cristi sono tutti giù per Terra, mentre lassù qualcuno li odia: gli happy few risiedono nella stazione spaziale Elysium, con ville nel verde, robot per vigilantes, capsule mediche che curano ogni male e perfino ringiovaniscono. E' l'apogeo dell'apartheid, ma c'è chi a L.A. vorrebbe raccorciare le distanze: ex criminale, Max (Damon, tosto) s'è beccato una dose letale di radiazioni in fabbrica, l'unica salvezza è raggiungere una capsula, ma dovrà fare i conti col ministro della Difesa di Elysium (Foster) e il suo braccio armato (il Sharlto Copley di District 9, superbo) e contare sull'amore di una vita (Alice Braga), un amico (Diego Luna) e un boss (Wagner Moura). Dimenticate Man of Steel, Pacific Rim e compagnia brutta, questo è un altro pianeta: eccellenza tecnica, guerrilla style terrestre ed effetti stratosferici, senza perdere di vista il retroterra umano, con il dito che punta Elysium e gli occhi sulla nostra realtà qui e ora.
L'accesso alle cure mediche continuerà a discriminare tra ricchi e poveri, dividere tra chi può e chi no, ma Blomkamp non ha risposte di ingegneria sociale: in campo lungo, il ritorno al passato-presente sociopolitico, in primo piano il ritorno al futuro di uno sci-fi con i piedi piantati per Terra. Già, la Terra sovrappopolata, sperequata e prostrata, che il Max bambino ebbe in dono nel cammeo portafoto di una suora: il Paradiso può attendere, ma l'Inferno va lasciato, e anche Dante converrebbe.
Mago degli FX, sceneggiatore ancora perfettibile, Blomkamp dà una lezione di regia: sequenze action da antologia, soste uman(ist)e, nuove frontiere poetiche ed estetiche per i big budget hollywoodiani. Speriamo nel pubblico: Neill c'è, e alla grande.

CRITICA

"Dimenticate 'Man of Steel', 'Pacific Rim' e la brutta compagnia fantascientifica ultima scorsa, 'Elysium' è davvero di un altro pianeta, e il merito è (quasi) tutto dell'enfant prodige Neill Blomkamp, che dopo il sorprendente 'District 9' torna con la testa tra le nuvole, ma i piedi ben piantati per terra. Un action sci-fi tecnicamente sontuoso, con effetti specialissimi e ricadute di senso sul nostro presente: l'accesso alle cure mediche continuerà a dividere tra ricchi e poveri, ma c'è soluzione? Da vedere." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 29 agosto 2013)

"Piacerà a chi cerca un bel fantakolossal zeppo di belle scene spettacolari. E di grandi invenzioni figurative (la Città degli Angeli è un vero inferno dantesco). Qualche deluso lo troveremo tra i fans dell'australiano Neill Blomkamp che con 'District 9' ci aveva regalato un futuribile veramente inquietante. Qui navighiamo tra molti luoghi comuni rastrellati in film precedenti. Rastrellati bene, comunque." (Giorgio Carbone, 'Libero', 29 agosto 2013)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy