Ed Wood

USA - 1994
Ed Wood
Giunto dalla natia Pennsylvania, negli anni '50, a Los Angeles, il giovane Edward D. Wood Jr. è reduce dall'insuccesso teatrale del suo lavoro "The Casual Company". Determinante è l'incontro col suo idolo Bela Lugosi. Questi, personificazione del mito di Dracula, è disoccupato da 4 anni, vive del sussidio di disoccupazione, è da tempo alcolizzato e morfinomane, ma Ed riversa su di lui tutto l'affetto e l'ammirazione che ha in sé. Ed ha già proposto al produttore Weiss la storia di un uomo incerto sulla sua destinazione sessuale, "Glen or Glenda", che riflette la sua segreta passione per l'intimo femminile, atteggiamento che sconcerta non poco la moglie Dolores Fuller. Wood diviene il protagonista di questo scombiccherato antesignano dei film "en travesti" che la presenza di Lugosi dovrebbe nobilitare e che rende ilare Feldman della Warner quando gli viene sottoposto. Ma Wood non demorde, ed organizza convention per raccogliere, invano, fondi. Privo di denaro, accetta dapprima un'aspirante attricetta, Loretta King, al posto della moglie, che poi lo lascia, e quindi l'inetto figlio di un macellaio come protagonista. Lugosi deve addirittura mimare una lotta in una pozza gelata con una piovra di gomma rubata e priva di motore. "La sposa del mostro", già "Sposa dell'atomo", è un'altro insuccesso clamoroso. Frattanto Lugosi, gravemente intossicato, va in ospedale. Nell'assistere Ed conosce la sua futura ed affezionata moglie, Kathy O'Hara. Poi Bela, dopo aver girato una scena del film "Ladri di tombe dallo spazio", muore. Il padrone di casa, il pastore battista Lemon accetta di finanziare, per raccogliere con gli incassi fondi per una serie di film religiosi, "Plan 9 from Outer Space". Fa però battezzare tutta la strampalata troupe: la presentatrice televisiva Vampira; il sensitivo Criswell, il chiropratico Tom Mason, assunto quale controfigura di Lugosi; il lottatore Tor Johnson, l'omosessuale Bunny Breckinridge, che sogna un cambiamento di sesso in Messico. Prima della ipotetica quanto trionfale "prima" al prestigioso "Pantages" di Los Angeles", Ed ricorda l'amico scomparso.
  • Durata: 127'
  • Colore: B/N-C
  • Genere: BIOGRAFICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM, PANAVISION, TECHNICOLOR
  • Tratto da: liberamente ispirato alla biografia "Nightmare of Ecstasy" di Rudolph Grey
  • Produzione: TIM BURTON, DENISE DI NOVI PER TOUCHSTONE PICTURES
  • Distribuzione: BUENA VISTA INTERNATIONAL ITALIA (1995) - TOUCHSTONE HOME VIDEO; TOUCHSTONE DVD (2003);

NOTE

- REVISIONE MINISTERO MAGGIO 1995.

- OSCAR 1994: MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA (MARTIN LANDAU), MIGLIOR TRUCCO (RICK BAKER, VE NEILL, YOLANDA TOUSSIENG).

- GOLDEN GLOBE 1995 A MARTIN LANDAU COME MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA.

CRITICA

"Eccellente, amarissima commedia in bianco e nero di Tim Burton, che rievoca con nostalgia e umorismo macabro la figura di Edward D. Wood Jr., bizzarro personaggio considerato il peggior regista di ogni tempo (Antonioni evidentemente compreso). Il migliore in campo è Martin Landau, Oscar con i superlativi trucchi". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 5 maggio 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy