Ancora 48 ore

Another 48 Hrs.

USA - 1990
Ancora 48 ore
Un ispettore della polizia di S. Francisco, Jack Cates, notoriamente violento e sbrigativo, è da qualche tempo alla caccia ossessiva di un misterioso Iceman, boss della droga locale. Durante un conflitto a fuoco con un gruppo di criminali al soldo di Iceman, Jack ne uccide uno. Ma le prove che il killer era armato e aveva sparato per primo scompaiono misteriosamente e Jack viene sospeso dal servizio. Se non riuscirà a catturare entro 48 ore l'imprendibile - e secondo qualche ambiguo soggetto della stessa polizia, inesistente - Iceman, Jack finirà a sua volta dietro le sbarre per omicidio. A Jack risulta possibile, grazie ad una soffiata, un'unica pista. Sa che Iceman è determinato a disfarsi di un noto detenuto, che ne sa troppo su lui e la sua losca banda di sicari. Si tratta di Reggie Hammond, che sette anni prima aveva aiutato Jack a risolvere un altro caso. L'ispettore riesce a ottenerne la scarcerazione per 48 ore, con la feroce determinazione di pervenire a Iceman, e ucciderlo. Dopo una complicatissima serie di diverbi, e spericolatissime vicende d'inaudita violenza, i due riescono a spuntarla: Reggie è finalmente in libertà, e Jack potrà continuare - temuto e stimato - nella sua vocazione di giustiziere al di sopra della legge.
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: AZIONE
  • Specifiche tecniche: NORMALE A COLORI
  • Tratto da: personaggi creati da Roger Spottiswoode, Walter Hill, Larry Gross e Steven E. de Souza; racconto di Fred Braughton (pseudonimo di Eddie Murphy)
  • Produzione: LAWRENCE GORDON, ROBERT D. WACHS PER PARAMOUNT PICTURES
  • Distribuzione: U.I.P. (1990) - CIC VIDEO

NOTE

- EDDIE MURPHY HA FIRMATO IL SOGGETTO COL NOME DI FRED BRAUGHTON

CRITICA

"Rambo di turno, temerario, micidiale e invulnerabile; i tonfi spettacolari dal 42º piano del "cattivo" del momento; gli incendi spettacolari, le corse pazze attraverso la città con i soliti scontri, turpiloqui e fragore. Sullo sfondo sempre l'inadeguatezza o peggio la corruzione della polizia con l'implicito suggerimento del giustiziere senza tetto né legge, in barba alla giustizia ufficiale, senza contare il titolo nobiliare assegnato ai fuorilegge che popolano le carceri, come agli unici in grado di far giustizia." (Segnalazioni Cinematografiche)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy