American Gigolo

USA - 1980
American Gigolo
Julian Kay esercita il poco onorevole mestiere di "gigolo" un tempo alle dipendenze di Anne e ora nell'interesse di Leon Jaimes, un negro privo di scrupoli. Incontrata casualmente Michelle Straton, giovane e trascurata moglie del senatore Charles, Julian ne diviene l'amante non prima di essere venuto in contatto, per commissione di Leon, con i coniugi Rheiman dai gusti depravati. Quando Judy Rheiman viene trovata sadicamente uccisa a Palm Spring, Julian si trova ferocemente incalzato dall'ispettore Sunday e invano chiede soccorso alle precedenti amiche o clienti Anne e Lisa Williams. Per quanto non gli sia difficile capire di essere vittima di una macchinazione partita da Straton e manovrata direttamente dal traditore Leon, Julian non può dimostrare alcun alibi. Schiacciato da numerosi indizi, il giovane tenta di reagire aggredendo Leon nel suo stesso appartamento. Il colloquio, tuttavia, chiuso con il volo del negro dal balcone nonostante i tentativi del suo salvataggio da parte di Julian, induce la polizia ad arrestarlo. Michelle, che il marito vorrebbe costringere ad allontanarsi per due mesi, avendo preso piena coscienza del cinismo del marito candidato come governatore della California, se ne distacca completamente. Incurante dello scandalo, la signora Straton dichiara agli inquirenti che nella notte del delitto Julian si trovava con lei.
  • Durata: 117'
  • Colore: C
  • Genere: THRILLER, SENTIMENTALE
  • Specifiche tecniche: NORMALE
  • Produzione: JERRY BRUCKHEIMER PER PARAMOUNT PICTURES
  • Distribuzione: CIC, RETEITALIA - CIC VIDEO - LASERDISC: RCS FILMS&TV, PHILIPS VIDEO CLASSICS

NOTE

- E' IL FILM CHE HA RESO RICHARD GERE UNA SUPERSTAR.

- REVISIONE MINISTERO NOVEMBRE 1992 - TERZA EDIZIONE.

CRITICA

"Interpretato con serietà e aderenza, diretto con impegno, il film non raggiunge il vigore contenutistico di altre opere del medesimo regista." (Segnalazioni cinematografiche, vol. 89, 1980).

"Già visto in 'I giorni del cielo', forte di un recente successo a Broadway, Richard Gere è un attore che sa il fatto suo. Ma il suo personaggio, un prostituto che ama le donne per denaro, è plausibile solo sotto il profilo fisico e comportamentale. Il meglio di 'American Gigolo' sta nelle prime sequenze, quando assistiamo alla vestizione quasi rituale del "taxy-boy"e ci viene offerto un campione della sua vita quotidiana. (...) Il film rivela un certo interesse negli scorci di costume, nel modo in cui scopre certi retroscena della vita politica. Ma appena Schrader cerca di dare qualche originalità ai personaggi, il suono diventa falso. (...) Schrader fa dell'American Gigolo un donatore di amore, proprio nel senso in cui si è donatori di sangue, meno corrotto dell'ambiente che lo circonda. Perfino il francese L'Express, che ha elogiato il film, ha definito il finale
"ridicule"." (Tullio Kezich, 'Il nuovissimo Mille film. Cinque anni al cinema 1977-1982', Oscar Mondadori)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy