Alien: la clonazione

Alien: Resurrection

USA - 1997
Alien: la clonazione
Duecento anni dopo la morte di Ellen Ripley, grazie a un'alleanza fra una banda di contrabbandieri ribelli e un'equipe di scienziati, viene prodotto in laboratorio un alieno molto pericoloso. Per salvare la Terra c'è un unico mezzo: clonare Ellen, combinando il suo sangue con un altro DNA, e riportarla così in vita. Ellen/Clone 9 dovrà vedersela contro gli alieni, ma non potrà sfuggire al suo terribile destino: ha però dentro di sé una creatura in grado di moltiplicarsi. Sarà l'incontro con Annalee Call, una donna meccanico assoldata da un esercito di mercenari a illuminare Ellen e a far sì che faccia la scelta più giusta...
  • Durata: 104'
  • Colore: C
  • Genere: FANTASCIENZA
  • Tratto da: personaggi creati da Dan O'Bannon e Ronald Shusett
  • Produzione: BILL BADALATO, GORDON CARROLL, DAVID GILER, WALTER HILL PER BRANDYWINE PRODUCTIONS, TWENTIETH CENTURY FOX FILM CORPORATION
  • Distribuzione: 20TH CENTURY FOX - DVD: 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT - BLU-RAY: 20TH CENTURY FOX ENTERTAINMENT (2010)

NOTE

- E' IL QUARTO EPISODIO DELLA SAGA FANTASCIENTIFICA INIZIATA NEL 1979 DA RIDLEY SCOTT.

- SIGOURNEY WEAVER HA VOLUTO 11 MILIONI DI DOLLARI PER CONTINUARE A INTERPRETARE IL RUOLO DI RIPLEY. PER IL PRIMO EPISODIO L'ATTRICE ERA STATA RETRIBUITA CON APPENA TRENTAMILA DOLLARI.

CRITICA

"Fate attenzione, non chiamatelo 'Alien IV'. Quel numero romano accanto al titolo (al 'marchio' di fabbrica) esprime una serialità arcaica, fordista, industriale. Lascia supporre uno sviluppo lineare e progressivo, un rigoroso controllo del tempo e dello spazio, un rapporto logico e cronologico fra un episodio e l'altro. Roba vecchia, da Rocky o Rambo. Quasi archeologia. La serie 'Alien' (come, per certi versi, anche quella di 'Batman') funziona in altro modo. 'Alien'/'Aliens'/'Alien 3'/'Alien Resurrection'. Singolare/Plurale/ Esponenziale/Universale. La serialità cessa di essere una catena e diventa una rete, una proliferazione. Da un capitolo-episodio all'altro non c'è più, necessariamente, sviluppo diegetico. Ci sono caso mai salti, analogie, metastasi. Cioè un meccanismo di riproduzione a distanza che agisce all'improvviso, dove meno te l'aspetti". (Gianni Canova, 'Il Manifesto', 22 febbraio 1998)

"Dal 1979 del primo film sono passati quasi vent'anni, la situazione ha perduto nella ripetizione la capacità di sorprendere, Sigourney Weaver è invecchiata: viene infatti raddoppiata dalla ragazza-robot Winona Ryder interprete d'un personaggio superfluo, utile soltanto come lo erano le soubrettine del varietà accanto alla soubrette. L'attualità della quarta puntata della serie non è rappresentata dalla clonazione, tema prediletto dai talk show televisivi, ma dallo stile del nuovo regista, già autore insieme con Marc Caro di due film esemplari sulla decadenza e sulla degradazione del mondo, 'Delicatessen' e 'La città dei bambini perduti'. Jean-Pierre Jeunet ha immaginato l'astronave come un ammasso di ferraglia da prima rivoluzione industriale; il suo direttore della fotografia Darius Khondji ha scelto tonalità scure, nero o marrone profondo, e un procedimento all'argento che aveva già adottato in 'Seven' o in 'Io ballo da sola'. (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 20 febbraio 2000)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy