Aggrappato ad un albero, in bilico su un precipizio a strapiombo sul mare

Sur un arbre perché

FRANCIA - 1970
Henri Roubier, un industriale edile tanto abile quanto disonesto, appena tornato in Francia da San Remo - dove è riuscito, Accordandosi con un collega italiano, a soffiare a tre concorrenti un grosso contratto per la costruzione di autostrade -, ospita sulla propria automobile un giovane campeggiatore e una bella automobilista, Lucienne, rimasta in panne. E' notte e durante una curva affrontata a velocità eccessiva, l'auto di Roubier esce di strada (corre sul fianco di un monte a picco sul mare) precipitando nel vuoto. Un enorme pino, abbarbicato alla roccia, interrompe la caduta dell'auto, che vi si posa sopra. Salvatisi in modo socì fortunoso, i tre - che non possono essere visti dalla strada, sotto il cui ciglio si trovano di un centinaio di metri - trascorrono giorni infelici, tra la fame e la sete, addolciti, per Lucienne e il giovane campeggiatore, da un sentimento di reciproco affetto. Finalmente, Roubier riesce, con una ingegnosa trovata, a segnalare la loro presenza (la televisione li aveva dati per dispersi); ma i mezzi di soccorso, anche per il sabotaggio del gelosissimo marito di Lucienne, si rivelano impotenti. Un elicottero, infine, riesce a liberarli, ma esso appartiene ai tre concorrenti frodati da Robuier, i quali, per vendicarsi di lui e toglierlo di mezzo, sbarcano l'industriale e i suoi compagni in uno sperduto isolotto del Pacifico.
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO, COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA TECHNICOLOR
  • Produzione: RAYMOND DANON, LIRA SOCIETE' NOUVELLE COMACICO (PARIS) ASCOT CINERAID (ROMA)
  • Distribuzione: REGIONALE

NOTE

- DIALOGHI: JEAN HALAIN.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy