Roger Vadim (Roger Vladimir Plemiamnikov)

Noto anche come: Roger Vadim Pleniakoff

PARIGI (Francia), 26 Gennaio 1928
PARIGI (Francia), 11 Febbraio 2000
 

BIOGRAFIA

Regista. Nasce da una famiglia di origine composita (il padre è un immigrato ucraino, la madre è francese) e prima di dedicarsi al cinema prova parecchi mestieri: a 16 anni segue uno stage teatrale, quindi lavora come giornalista per 'Paris Match'. Approda al cinema come sceneggiatore e, in seguito, come assistente di Marc Allégret. L'incontro con una giovane fotomodella, Brigitte Bardot, segna la sua vita. Dopo averla sposata nel 1952, quattro anni dopo gira infatti con lei il suo primo film da regista ("Piace a troppi", 1956). La sua vita professionale è strettamente legata a quella sentimentale: oltre che per i suoi film, infatti, è ricordato per i matrimoni e gli amori, sempre in odore di scandalo e con estremo interesse dei rotocalchi. Dopo la Bardot (con la quale gira "Gli amanti del chiaro di luna" e "Il riposo del guerriero") nel 1958 sposa Annette Stroyberg, attrice protagonista di "Relazioni pericolose" (1959), dalla quale ha la figlia Nathalie. Nel 1967 dirige "Barbarella" con Jane Fonda, che da un anno è diventata la sua terza moglie e dalla quale ha avuto una bambina. Intreccia una storia sentimentale con la giovanissima Catherine Deneuve (protagonista del suo "Il vizio e la virtù", 1962, dalla quale ha il figlio Christian) ma la sua terza moglie sarà la ricchissima Catherine Schneider, figlia del magnate dell'industria dell'acciaio. Nel 1990, infine, sposa l'attrice Marie-Christine Barrault. Partito da un cinema vicino alla nouvelle vague, finisce per accontentarsi di mostrare sullo schermo patinati ritratti di fanciulle seducenti. A metà degli anni Ottanta pubblica un volume che si intitola semplicemente 'Bardot, Deneuve, Fonda: Le memorie di Roger Vadim'. Muore a Parigi per un cancro.

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy