Ti presento Sofia

Commedia sentimentale che non è né "lenta" né "rock": De Luigi e la Ramazzotti per Guido Chiesa, e poco di più. Ad Alice nella Città

20 Ottobre 2018
2/5
Ti presento Sofia

Sin dalla citazione tipografica nel titolo l’ultimo film di Guido Chiesa vorrebbe affermare il suo spirito “rock”… Ma cosa c’è di rock in Ti presento Sofia, una commedia sentimentale di situazione che se non è “lenta”, non è nemmeno rock?

Potrebbe essere una power ballad senza molto “power”, piuttosto che qualcosa di travolgente ed energico. Un blues? Nemmeno, e anche se fosse il film segue le sue 12 misure senza troppe improvvisazioni e senza sconvolgere il prevedibile sviluppo (e scioglimento) degli eventi, concedendosi qualche abbellimento che strappa qualche risata nei punti dovuti.

Chiesa, che firma la sceneggiatura con Nicoletta Micheli e Giovanni Bognetti, manifesta l’intento di andare al di là dei cliché e in un certo senso ci riesce, ma solo se ci sembra ancora impossibile che un padre rinunci alla carriera per mettere la figlia al centro della propria vita e viceversa che una donna di figli non ne voglia sapere non solo per dedicarsi appieno al lavoro, ma anche perché i bambini non li può sopportare.

È questo il caso di Gabriele (Fabio De Luigi) e Mara (Micaela Ramazzotti). Lui padre divorziato, proprietario di un negozio di strumenti musicali ed ex musicista che ha abbandonato il sogno di sfondare nel rock per prendersi cura della figlia Sofia (Caterina Sbaraglia), una bambina di 9 anni che in camera insieme ai peluches ha i poster di Deborah Harry.

Lei fotografa affermata che viaggia in giro per il mondo, indipendente, single e senza nessun desiderio di maternità. Quando i due, amici ai tempi dell’università, si rincontrano dopo dieci anni si riaccende la scintilla. Unico problema la totale insofferenza di Mara per i bambini… e allora a Gabriele non resta che inoltrarsi in un pasticcio di bugie e sotterfugi per nascondere la presenza dell’una all’altra.

C’è la collaudata comicità alla De Luigi, che funziona su un personaggio che sembra scritto apposta per lui, e quella della Ramazzotti, brava come sempre. La giovane esordiente Caterina Sbaraglia è grintosa ma delude un po’, forse anche per il miscuglio non sempre coerente tra il cliché della bambina infantile, insopportabile e guastafeste e quello della bambina matura al di là dei suoi anni e un po’cinica che è chiamata a interpretare.

Penalizza il film una certa disattenzione ai dettagli (per esempio la rappresentazione sciatta e forzata della folla a un finto concerto degli Afterhours), che rischia in diversi punti di sfociare nel ridicolo.

Una nota a suo favore va al fatto che Ti presento Sofia non tenta di analizzare la scelta di Mara di non avere figli, senza fare riferimento né a un’infanzia infelice né a interpretazioni pseudo-psicanalitiche. Anzi dell’infanzia di Mara non ci viene detto molto, al massimo qualcosa si può intuire dal modo accorato in cui afferma che “i genitori sbagliano sempre” e in cui rimarca che una volta che i figli si fanno bisogna assumersi tutte le proprie responsabilità.

Lascia una recensione

3 Commenti on "Ti presento Sofia"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Priscilla Pozza
Ospite

SE PERMETTI NON PARLARMI DI BAMBINI… Questo è il nome del film uscito già e copiato ora…

katia860
Ospite

Esatto, copiato platealmente e senza sforzi. Strano che l’evidenza non sia fatta notare tra i primi cinque articoli di google.

daisy raisi
Ospite

Sono rimasta delusa dall’interpretazione della Ramazzotti che in questo film non riesce a tenere il passo con De Luigi. Anche la trama è risicata e la presenza di personaggi poco credibili, come il brasiliano e il fratello del protagonista, non migliora certo la situazione.
Il finale poi è scontatissimo e banale.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy