Quasi nemici – L’importante è avere ragione

Daniel Auteil e Camélia Jordana in stato di grazia. Per una discreta commedia interculturale

9 Ottobre 2018
3/5
Quasi nemici – L’importante è avere ragione

Parigi è una città multiculturale. Ma i pregiudizi e la paura verso il diverso ancora esistono. Anche in ambienti elevati come quelli universitari. È quello che ci racconta la brillante commedia di Yvan Attal interpretata dai bravissimi Daniel Auteil e Camélia Jordana.

Lei, già interprete di Due sotto il burqa, qui veste i panni di una studentessa araba con il sogno di diventare avvocatessa, ruolo che le è valso il Premio César come migliore promessa femminile del cinema francese.

Lui, invece, è un professore di giurisprudenza noto per le sue provocazioni e per i suoi modi bruschi della prestigiosa università di Panthéon-Assas. Un uomo piuttosto cinico e intollerante soprattutto nei confronti delle minoranze etniche.

Per evitare il licenziamento sarà costretto dalle circostanze a dover preparare la giovane ad affrontare una gara di eloquenza nella quale lei rappresenterà l’istituto.

“Le parole sono importanti”, diceva Nanni Moretti e il regista francese sottolinea con questo film tutto basato sui dialoghi il potere e la forza evocativa dell’arte della retorica. L’operazione regge soprattutto grazie alla bravura dei due protagonisti. Delude un po’ la scelta troppo conformista del finale.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy