Ogni maledetto Natale

Ritratto grottesco e sui generis del giorno più folle dell'anno. Irresistibile Guzzanti

22 Novembre 2014
3/5
Ogni maledetto Natale
Ogni maledetto Natale

Giulia (Mastronardi) e Massimo (Cattelan) si incontrano per caso: è amore a prima vista, ma da lì a poco sopraggiunge il Natale. Il loro rapporto sopravvivrà all’incontro con le rispettive famiglie? Da una parte i Colardo, in una Tuscia immaginaria, creature emerse dalla terra che sembrano lottare contro le tenebre, dall’altra i Marinelli Lops, miliardari in un sontuoso palazzo del centro di Roma, ma completamente fuori dal mondo.
La sfida di Ogni maledetto Natale è questa: mettere a confronto la follia “animalesca” dei Colardo con l’ipocrisia impettita di casa Marinelli, naturalmente nel giorno più significativo dell’anno. Il trio di Boris sceglie la carta della coralità e del doppio ruolo (Pannofino, Morante, Mastandrea, Giallini, Corrado e Caterina Guzzanti etc. impersonano gli uni e gli altri) per servire la doppia faccia della stessa medaglia: il ritratto è insieme grottesco e sui generis, lontano dai cliché abituali di certe commedie natalizie ma al tempo stesso quasi incapace di graffiare fino in fondo, lasciando carta bianca all’indiscutibile verve degli interpreti, su tutti Morante, Mastandrea e Guzzanti, quest’ultimo nei panni del domestico filippino capace di riportare a galla i fasti di una televisione (e di certe maschere) che non esiste (esistono) più.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy