Mi obra maestra

Gaston Duprat torna a riflettere, in commedia, sull'arte contemporanea. Con meno profondità de Il cittadino illustre, ma funziona. Fuori Concorso

30 agosto 2018
3/5
Mi obra maestra

Capolavori, opere uniche e multiple, copie e copie di copie. Cosa è l’arte contemporanea se non un grande gioco dove a vincere è il più bravo a vendere nonché a mischiare le carte?

E di manipolazioni ne sa qualcosa il gallerista Arturo, affascinante quanto astuto nel coltivare vecchi talenti e nello scovarne di nuovi. Operazione che poco gli riesce quando deve trattare con l’affermato Renzo, quintessenza dell’artista tutto genio e sregolatezza. Quanto l’uno è diplomatico e calcolatore, tanto l’altro irascibile e indisponibile a scendere a patti con il mercato. Nonostante le enormi differenze sono amici per la pelle, e in nome dell’amicizia insieme affrontano l’impensabile.

A due anni di distanza dall’acclamato Il cittadino illustre presentato con successo in concorso proprio a Venezia, Gaston Duprat torna dietro la macchina da presa per realizzare una commedia scritta dal fratello Andrés e questa volta lo fa da solo, spezzando la collaborazione pluriennale con Mariano Cohn.

Non che la separazione pesi molto sul film, che mantiene intatti la leggerezza e il passo ironico che caratterizzavano Il cittadino illustre. Ad essere venuta meno è semmai la profondità dell’opera precedente, in grado di divertire e al tempo stesso far riflettere sul ruolo dell’artista, sulla vecchiaia, sul senso della vita.

Mi obra maestra brilla molto in superficie ma è un dipinto che non nasconde sottotesti, dietro il primo strato di vernice non si trovano insomma colori diversi o figure abbozzate e abbandonate. Non siamo dalle parti di The Square con i suoi molteplici significati, qua gli obiettivi da attaccare sono chiari: i mercanti e gli artisti in vena di prendersi beffe di collezionisti e ricchi investitori.

 

Mondo da cui stare alla larga e tuttavia del quale ridere sentendosene al sicuro lontani. Le battute folgoranti infatti non mancano. Gli scontri tra Arturo e Renzo, i bravi e molto noti in patria Guillermo Francella e Luis Brandoni, sono fuochi d’artificio e compensano ampiamente l’assenza di  complessità.

Lascia una recensione

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy