Marguerite

La purezza dell’arte e la meschinità degli uomini, l’amore: Xavier Giannoli non “stecca” la commedia sul soprano stonato, con una meravigliosa Catherine Frot

16 Settembre 2015
4/5
Marguerite

Sul suo volto la bellezza è un tesoro sfiorito, ma la voce non l’ha mai tradita. Lei in effetti non ha mai saputo cantare. Si è sempre creduta una grande soprano – o al limite una mezzo soprano, deve ancora capirlo – cullata in questa confortevole menzogna da una corte di meschini turiferi (dal marito, un nobile decaduto che ha venduto il suo titolo alla ricchezza materiale di lei, agli artisti frustrati e in rovina che vogliono spillarle denaro). Quella fama che si era sempre immaginata, immortalandola persino in un fotoritocco ante litteram in cui appare agghindata con costumi di scena è una cosa patetica ma non ridicola. Suscita compassione. Soprattutto quando poi arriva l’inevitabile resa dei conti. La scoperta di essersi – ed essere stata – sempre ingannata.
Non è difficile scorgere in Marguerite, questa storia ambientata negli anni ’20 e ispirata alla vicenda dell’ereditiera Floence Foster Jenkinses a suo modo degna ed esemplare, un’allegoria tutta francese, di grandeur a lungo vantate e smarrite in un solo momento. Facendo proprio quella faccia lì, tra l’ottuso e l’attonito. Smorfia di dolorosa, abissale incredulità. Povera Francia.
E’ il graffio che da uno come Xavier Giannoli ci si aspetta. Uno che ama il suo Paese a tal punto da trattarlo male. Come quando affida all’inascoltabile chanteuse l’esecuzione di una Marsigliese mai così terrificante. E che dire delle arie maltrattate dalla nostra? Non risparmia nessuno, da Mozart a Verdi, da Leoncavallo a Puccini. E anche tra i suoi finti cultori c’è poco da salvare: ipocrisia, meschinità, cinismo, prostituzione morale. La sensazione è che questa grande commedia in costume, umana più che musicale, a tratti esilarante, sempre intimamente partecipe, spesso e volentieri cattiva, perfetta nelle battute e nei tempi e negli allestimenti scenici, nasconda altro. Tanto altro. Che sia sempre più intelligente e raffinata di quanto non appaia.
E avvertiamo l’ inno autentico e gioioso al potere trasfigurante dell’arte, che non dimentica (anzi) le meschinità, gli equivoci e la mediocrità dei suoi interpreti.
Sentiamo il tenero e commosso abbraccio al candore della protagonista, la magnifica Catherine Frot (ma che dire di tutti gli altri? Splendidi, ecco), lei che è la felicissima nota stonata di una società perbenista, l’involontaria eroina dada del ribellismo antiborghese, l’idiota della lirica con un cuore che è un capolavoro d’amore. La donna che tra il sognare la propria vita e realizzarla scelse – non potendo fare altro – la prima. Una moglie innamorata immensamente del marito, che morirebbe per un po’ delle sue attenzioni. La protagonista di uno splendido melo, che volge ogni sorriso in lacrima e viceversa. La mancanza fatta pienezza. Ad avercene di talenti così.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy