Il corriere – The Mule

Oltre 50 anni di cinema, più di 30 da regista, ogni volta un’opera diversa. Con gli stessi ideali di sempre. Clint Eastwood torna in pista, al soldo dei trafficanti di droga

30 Gennaio 2019
4/5
Il corriere – The Mule

Primissima immagine. I fiori, poi la casa, quella di Gran Torino, con la bandiera americana. Caro vecchio Clint, conservatore e sempre all’avanguardia.

L’idea (basata sull’incredibile storia vera di Leo Sharp) è geniale, un vecchietto che fa “the mule”, il corriere della droga per un cartello messicano. Non esiste copertura migliore. Qualcuno infatti ci aveva già pensato negli anni Ottanta.

Nel film, diretto e interpretato da Eastwood con Alison Eastwod (figlia anche nella realtà), Bradley Cooper e Tessa Farmiga, il protagonista, il più che ottantenne Earl, rimasto solo e al verde, ha delle assonanze con il personaggio di Gran Torino, Walt Kowalski. Lo sceneggiatore è lo stesso: Nick Schenk, che attinge a piene mani da una storia vera pubblicata dal New York Times: un veterano della seconda guerra mondiale diventato uno spacciatore di droga e corriere per la famiglia Sinaloa.

Earl, come Kowalski, è razzista: i negri sono sempre negri, lo è in modo meno collerico, più rassegnato, con quella luccicanza che lo salva in questa America dalle promesse non mantenute. Il post Obama lo ha rovinato finanziariamente. Ha annientato il suo lavoro (le vendite online hanno fatto calare drasticamente gli ordini dei suoi magnifici gigli): la sua passione per i fiori gli ha lasciato una minaccia di pignoramento ed è troppo tardi per rimediare alle assenze, come padre e marito.

Clint Eastwood è un grande patriota. Lo sappiamo bene. Così attaccato al suo Paese, a quella bandiera che il veterano Kowalski ostenta con orgoglio in Gran Torino contro i “musi gialli” del vicinato. Da dichiarare apertamente il suo sostegno a Donald Trump, rotolandosi nell’impopolarità dell’opinione pubblica mondiale.

Ma ha anche un grande cuore, che gli ha permesso di raccontare con American Sniper (il suo più grande successo al box office: 350 milioni di dollari solo in America) la guerra in l’Iraq, senza venire meno ai suoi principi. Senza risparmiare vittime ma lasciando fuori lo spettacolo dei danni collaterali.

88 anni e 37 film diretti: nessuno è più versatile, coraggioso, testardo di lui. Quando mette in scena pagine atroci dimenticate (Lettere da Ivo Jima). I cowboy nello spazio, la passione folgorante tra un uomo e una donna (I ponti di Madison County). Lo Tsunami indagando l’Aldilà (Hereafter). Ricordando come Mandela vinse l’Apartheid con una partita (Invictus). Riscrivere la vicenda qualunque di un soldato eccellente e renderla universale (American Sniper). O l’incredibile Sully: l’ammaraggio del volo U.S. Airways 1549 sul gelido fiume newyorkese, in seguito al grippaggio di entrambi i motori causato dall’impatto con uno stormo di oche canadesi, il 15 gennaio 2009. Il comandante Chesley Sullenberger (Tom Hanks) alla cloche dell’Airbus A320, insieme al copilota Jeff Skiles (Aaron Eckhart), salvò le 155 persone a bordo.

Solo Eastwood può farci credere che nonostante tutto gli eroi siano tra di noi, spesso con un destino beffardo. In fondo all’anima è rimasto il cowboy di Sergio Leone, l’attore che ha osservato e imparato dagli altri.

Parallelamente lo stesso uomo, con la sua casa di produzione Malpaso, ha seguito un disegno personale, scrivendo la controstoria americana film dopo film (Brivido nella notte, esordio dietro la macchina da presa è dello stesso anno di Dirty Harry, ’71).

La lista è lunga: oltre 50 anni di cinema, più di 30 da regista, ogni volta un’opera diversa. Con gli stessi ideali di sempre. Risanare il Paese, che si tratti di criminali, terroristi, nemici di qualsiasi tipo e sostanza.

Come la droga, problema che attanaglia l’America, che le istituzioni non hanno saputo risolvere né fermare. Quando Earl riceve un’offerta, guidare attraverso il Missouri trasportando qualcosa che non sa, ma che gli farà guadagnare molti soldi, non ci pensa due volte.

Viaggio dopo viaggio, mette insieme un bel po’ di denaro, recupera le cose che ha perso, ma la curiosità cresce mentre canticchia macinando chilometri. Così la voglia di capire che cosa contengano quei misteriosi bagagli, sempre più pesanti. Lo scopre, ma non si ferma.

L’FBI è sulle tracce di questo misterioso corriere, Bradley Cooper è l’agente operativo. La laurea della nipote riavvicina Earl a quello che conta di più nella vita: la famiglia. In un incontro casuale lo dice anche a Cooper: le priorità non vanno mai dimenticate.

Ed ecco il Clint che conosciamo, con tutta la sua forza, etica, e ideali. Quando tutto va a rotoli bisogna prendere di petto le situazioni. Anche se significa perdere tutto.

Lascia una recensione

3 Commenti on "Il corriere – The Mule"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
antonella
Ospite

mi è piaciuto molto, 2 ore piacevoli

Luigina
Ospite
È un film sulla speranza che permette a un vecchio di seguire, ormai senza filtri, il suo cuore. Che permette l’apertura al nuovo, a credere che il bene è possibile. È possibile nella famiglia, che lui stesso ha distrutto. È possibile nel ragazzo che dal niente crede di essere diventato qualcuno grazie all’illusione di governare la sua vita appoggiato a un produttore di morte. È possibile per il poliziotto che viene aiutato a riprendere il suo ruolo in famiglia. È possibile nel carcere, dove è necessario che Earl sia rinchiuso. E tutto senza prediche, ma grazie alla condivisione sincera dei… Leggi il resto »
Luca
Ospite

Trame e sottotrame, a me ha ricordato pure “Voglio la testa di Garcia” di Peckinpah. Un film molto “suo” ma qui Eastwood può v permettersi di ironizzare amaramente sul suo personaggio, e sulle sue idee politiche non sempre democratiche, senza suscitare clamore. Earl è un personaggio bellissimo, umano e imperfetto, in un mondo moderno che vede ex mogli, figli e giovani sbandati nella stessa lunghezza d’onda

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy