Happy Family

Divertissement metacinematografico per Salvatores: minimalista e sorridente, con un occhio ai Tenenbaum

25 Marzo 2010
4/5
Happy Family
Happy Family

Riduzione di Woody Allen e Wes Anderson (I Tenenbaum, soprattutto nelle tappezzerie…), I soliti sospetti e Charlie Kaufman, ecco il divertissement metacinematografico di Gabriele Salvatores, che prende dal teatro (dell’Elfo, da cui viene lo spettacolo e la co-sceneggiatura di Alessandro Genovesi) e ci porta in una Milano bifamiliare, partorita dalla “beautiful mind” dell’aspirante sceneggiatore Fabio De Luigi: Happy Family di – quasi tutti – happy few meneghini (fichetti è un valido sinonimo), personaggi in cerca non di un autore, ma di una storia che vada avanti. Divisa a immagine e somiglianza della vita in “Personaggi e interpreti”, “Confidenze” e “The Family”, ovvero l’approdo nell’ipertesto sociale, familiare è un occorrenza, una commedia non per caso, ma del caso, che invita a lasciarsi andare, aprendo a inedite amicizie (l’avvocato Fabrizio Bentivoglio e il precario Diego Abatantuono, spassosi 20 anni dopo Turnè), flirt e coming out, fino all’elaborazione che non segue, ma precede il lutto. Il tutto col sorriso sulle labbra, disimpegno – qui e là invertito da accenni edificanti… – e concessioni al minimalismo: gustoso, fresco, futile, un piccolo film che respira (di) grande.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy