Francofonia

Dentro l'umanesimo, oltre il film: Aleksandr Sokurov ibrida art pour l'art e linguaggio. Un capolavoro urgente

15 Dicembre 2015
5/5
Francofonia

Francofonia è altra cosa. Non solo per il talento cinematografico, lo spessore umano del regista Aleksandr Sokurov, ma perché va oltre il film per come lo consociamo oggi: si direbbe d’impronta godardiana, per quanto e come riflette sul linguaggio cinematografico, ibrida e mashuppa filmico e profilmico, si destreggia tra formati, supporti, suoni, rumori, selezione e combinazione dei segni.

FRANCOFONIA-directorAlexander_Sokurov

Francofonia è meta-film e oltre il film, perché se l’arte è destinata a perire tra i marosi mondani, che sono insieme della natura e della politica umana, entrambe senza coscienza, non c’è tempo. Bisogna fare in fretta, bisogna fare cinema.

Giugno 1940, i tedeschi hanno preso Parigi: il conte Franz Wolff-Metternich (Benjamin Utzerath), capo del Kunstschutz, la commissione tedesca per la protezione delle opere d’arte in Francia, incontra Jacques Jaujard (Louis Do de Lencquesaing), il direttore del Louvre, colui che ha concepito e predisposto il piano d’evacuazione dei musei francesi. La storia e la Storia, il film nel film, perché Sokurov è, appunto, oltre, non solo meta-testualizza, ma inter-testualizza guidato da un solo faro: l’umanesimo.

3-FRANCOFONIA-Photo3-TheLouvre

Con i musei ci sa fare: all’Hermitage di San Pietroburgo nel 2002 aveva realizzato Arca russa, un piano sequenza di un’ora e mezza, l’anno precedente al Bojimans Museum di Rotterdam Elegy of a Voyage. Al Louvre, ha confessato, non ha avuto vita facile, ma non ha smobilitato: nei saloni del Louvre, di fronte ai quadri celeberrimi, gli spettatori eletti sono due, la Marianne libertèegalitèfraternitè e Napoleone, il vero fautore e, sì, pure custode del Louvre. Guarda la Mona Lisa e lo dice: “Sono io”. Difficile dargli torto, non c’è arte senza Marte.

Lo scandalo, se di scandalo vogliamo proprio parlare, sta qui: il collaborazionismo, se non franco-tedesco tout court, di certo tra Metternich e Jaujard ha salvaguardato le opere d’arte, mentre sul fronte russo i nazisti avrebbero messo a ferro e fuoco l’Hermitage bolscevico. Due pesi, due misure: Sokurov non ignora ed echeggia l’Aleksandr Nevskij, ma più che affondo geopolitico, pare un monito e, insieme, un grido di dolore per troppe notti bianche, che a San Pietroburgo durante la guerra si mangiavano anche i bambini, e non per manifesto comunismo. Chissà, comunque, se oltre, probabilmente, agli screzi con il direttore e l’entourage del Louvre il mancato passaggio a Cannes sia da addebitarsi a questo collaborazionismo.

2-FRANCOFONIA-Photo2

Poco importa, Venezia gode, e ha già almeno una buonissima ragione perché questa 72esima edizione rimanga agli annali: mentre Palmira, e il suo custode, viene decapitata dalla barbarie dell’Isis, Sokurov accoglie la sfida suprema, far ragionare ragione di Stato e ragione dell’arte, far stringere la mano e il cuore all’art pour l’art e all’umanesimo, per un nuovo, ultimo e utopico Rinascimento. Che sia, questa, operazione contemporanea lo ribadisce lo stesso intreccio di dubsmash (Hitler…), skype, montaggio del suono, interpolazione digitale, CGI che fa di Francofonia una Babele linguistica in cui, però, tutto è congruente, parlante e comprensibile: sistema aperto, in cui il cinema  per l’arte tutta cerca di difendersi dal mondo stando nel mondo e donandosi al mondo. Cos’è la Nike di Samotracia, se non questa vittoria possibile?

Uno sarà dimenticato, Jaujard (anche dal George Clooney di Monuments Men), l’altro, Metternich, celebrato e ricordato, ma Sokurov dopo averli informati del rispettivo destino va oltre: le sorti umane possono essere non magnifiche né progressive, ma il minimo comune denominatore umano non può essere dismesso. Ne va del nostro stesso essere qui e ora, perché che uomini e donne saremmo se non avessimo potuto vedere, sulle tele, gli occhi di chi ci ha preceduto sulla terra?

Viva la Marianna, viva Napoleone, perché il fine ultimo, salvaguardare l’arte e dunque noi stessi, giustifica i mezzi, dice Sokurov, la collaborazione e il collaborazionismo. Sokurov ha la forza, e le palle, per dirlo, e ci mette la faccia: in Francofonia non c’è solo la sua voce, come nelle precedenti Elegie, ma lui stesso. Ben venga un selfie, se serve a salvarci. S’intende, un selfie per l’eternità: Francofonia.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy