Coraline e la porta magica

Stop-motion e stereo 3D per fantastici incubi animati. Henry Selick fa nuovamente centro

18 Giugno 2009
4/5
Coraline e la porta magica
Coraline
e la porta magica

Da poco trasferitasi in una nuova casa con i genitori, l’undicenne Coraline Jones – trascurata da mamma e papà – inizia a perlustrare ogni angolo dell’appartamento, fino a trovare una misteriosa porticina, dietro la quale si cela un passaggio per un mondo altro, speculare ma – almeno in apparenza – di gran lunga più affascinante. I genitori amorevoli, succulenti pietanze in tavola, il giardino curato e magnifiche attrazioni confezionate dai vicini un tempo anzianotti e appesantiti: con un biglietto da visita così, scegliere di tornare alla vita di prima non è facile, ma per restare Coraline dovrebbe cucirsi due bottoni sugli occhi, proprio come tutti gli altri. Perché, come spesso accade, non sempre è oro quel che luccica… Tredici anni dopo James e la pesca gigante, ma soprattutto sedici anni più tardi rispetto a Nightmare Before Christmas, Henry Selick torna alla regia di un film d’animazione (dal romanzo omonimo di Neil Gaiman), ancora in stop-motion, per la prima volta combinandolo con lo stereo 3D: il risultato – frutto di sette anni di lavoro (uno staff di 450 persone e un budget di 60 milioni di dollari) – è tecnicamente stupefacente (intanto perché il racconto non viene sottomesso all’artificio estetico), davvero in grado di mutuare sullo schermo situazioni, incubi e angosce degne della miglior letteratura gotica attraverso il punto di vista di una bambina di 11 anni. Sogno, realtà e immaginazione si fondono e, nonostante qualche lieve concessione alla noia, Coraline è un’Alice moderna, piombata in un mondo apparentemente “delle meraviglie” dal quale invece dovrà trovare la forza di fuggire. E di portare in salvo chi, prima o dopo di lei, ci è finito dentro anche inconsapevolmente.

Lascia una recensione

1 Comment on "Coraline e la porta magica"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Giada S.
Ospite
“E che cos’è che vorresti trovare Coraline…?” “I miei genitori”. É questa la frase che descrive al meglio Coraline e la porta magica, celebre film a cartone, diretto dalla Universal Studio. Prodotto dal regista Henry Selick, questo film è ambientato nel Michigan, in una lugubre villa dove vive Coraline con i suoi genitori. Molto impattanti sono i primi minuti del film, dove oltre ad essere elencati i nomi di chi lo ha diretto, si presenta anche una magica atmosfera gotica, legata perfettamente alla colonna sonora. Come detto in precedenza, questo è un film a cartone, ma ciò che si nasconde… Leggi il resto »
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy